PON METRO

loghi vari

Il PON Metro è un programma operativo nazionale di fondi strutturali plurifondo, in quanto utilizza sia risorse FESR (fondo europeo di sviluppo regionale) che FSE (fondo sociale europeo), destinate alle 14 città metropolitane, intese come città capoluogo, tra cui Genova, per maggiori dettagli > http://www.comune.genova.it/ponmetro

Per la programmazione dell’azione 4.1 Riduzione dei consumi energetici all’interno dell’asse tematico OT4 - Sostenere la transizione verso un economia a bassa emissione di carbonio- ,la Struttura predispone di fondi per circa 10,5 mln di Euro, suddivisi in:
  • 4    mln di Euro per efficientamento illuminazione pubblica
  • 4    mln di Euro per efficientamento edifici pubblici 
  • 2,5 mln di Euro per efficientamento dell’Edilizia Residenziale Pubblica.
L’uso dei fondi, quando possibile, è inteso a favorire l’avvento di meccanismi di leva finanziaria che se da un lato generano risparmi in bolletta e abbattimento delle emissioni inquinanti, dall’altro lato sono capaci di attrarre ulteriori capitali d’investimento attraverso ESCo.  In tal senso gli interventi definiti ad oggi riguardano i seguenti progetti:
  1. Progetto di efficientamento dell’lluminazione pubblica
  2. Progetto di efficientamento "Polo Tursino"
  3. Efficientamento Edilizia Residenziale Pubblica.

 


1. Progetto di efficientamento dell’illuminazione pubblica

Si tratta della costituzione di un accordo di Partenariato Pubblico-Privato (PPP) teso alla trasformazione a LED delle lampade per mezzo di Finanziamento Tramite Terzi (FTT).
All’interno dell’accordo, il PON Metro sovvenziona l’installazione di pali “intelligenti” dotati di sensori di monitoraggio ambientale e del traffico per consentire la raccolta ed il trasferimento dei dati necessari al funzionamento di dispositivi di telecontrollo del territorio propri del paradigma Smart City.
L'attività è volta all’ammodernamento degli impianti al fine di assicurare la gestione e l’esercizio intelligente dei servizi di pubblica illuminazione, ridurre l’inquinamento luminoso e aumentare la sicurezza degli spazi pubblici attraverso sistemi di regolazione.

panoramica del porto di genova

La Struttura è stata impegnata nel concludere i lavori di valutazione tecnico-economica delle proposte pervenute da parte di operatori privati nell’ambito di una Manifestazione d‘Interesse condotta nel secondo semestre del 2016.
La conclusione di tale percorso porterà all’individuazione di un promotore nel primo semestre del 2017 e successiva indizione di gara.

Il 24 maggio 2017 la Giunta comunale, prendendo atto dell’esito dei lavori istruttori condotti dalla sua Struttura di Staff - Energy Manager, ha dichiarato fattibile e d’interesse pubblico una Proposta di Partenariato-Pubblico-Privato (PPP) che ha per oggetto l’affidamento del servizio di efficientamento della pubblica illuminazione e trasformazione tecnologica orientata alla Smart City degli impianti del Comune di Genova.

Basata sull’istituto della finanza di progetto, la proposta sarà in grado di attrarre per la città di Genova finanziamenti tramite terzi per un valore complessivo d’investimenti di circa 16.5 milioni di euro, oltre IVA,  volti esclusivamente alla riqualificazione tecnologica degli impianti di illuminazione al fine di dotarli di nuove apparecchiature di illuminazione LED, ad alta efficienza e basso impatto ambientale, e nuovi sistemi di telecontrollo e telegestione per il miglioramento della gestione dei medesimi impianti. 

La concessione, proposta per 8 anni, permetterà all’Amministrazione l’utilizzo di un’ulteriore fonte d’investimento, per un valore di circa 4 milioni di euro, a partire dai fondi PON-Metro disponibili per il Comune. Tali fondi verranno usati come contributi per la trasformazione dei pali dell’illuminazione in cc.dd. “pali intelligenti”, dotati cioè di sistemi capaci di erogare servizi alla collettività orientati a risolvere il paradigma Smart City (i.e. Wi-Fi, Display; Allarme Meteo, Ricariche e-bike, TVCC, ecc.). La proposta di PPP risulterà in una operazione a indebitamento zero per il Comune, dal momento che sarà capace di generare risparmi in bolletta superiori ai canoni che verranno corrisposti all’operatore privato.

La proposta ritenuta fattibile, dopo essere passata per un’ulteriore fase approvativa, verrà posta a base di gara all’interno di un procedura di evidenza pubblica.

La concessione scaturita dall’esito della procedura di gara, permette di realizzare una trasformazione tecnologica degli impianti esistenti tesa all’innovazione su una seria di aspetti cruciali per una città come Genova che da industriale si “trasforma” in città del turismo; un tale operazione infatti coinciderà con un rinnovamento d’immagine per l’intera Città, teso a conferire a Genova la reputazione di Città Europea sul Mediterraneo,  in quanto città Smart in grado di accogliere i suoi visitatori in un ambiente urbano sicuro e resiliente.

Le risorse economiche liberate per la mancata sostituzione di lampade, vista la lunga durata della tecnologia a LED proposta, saranno linfa per ulteriori attività da parte di ASTer tese al miglioramento del servizio d’illuminazione pubblica genovese.

L’innovazione riguarda infatti:
  • miglioramento delle prestazioni energetiche e di durata delle lampade, alla base del caso economico che sostiene l’iniziativa di PPP
  • miglioramento della gestione del Servizio Pubblico di Illuminazione, che permetterà al Comune di liberare risorse economiche da rinvestire tramite ASTer per continuare a migliorare il servizio
  • riduzione immediata dell’inquinamento luminoso, visivo e ambientale
  • miglioramento immediato della sicurezza stradale, tramite in nuovi apparecchi e la progettazione illuminotecnica prevista dalla concessione
  • miglioramento della sicurezza urbana, tramite i nuovi sistemi Smart di TVCC, distribuiti in maniera capillare sul territorio urbano
  • miglioramento della resilienza urbana, tramite i nuovi sistemi Smart di Allerta Meteo, display e stazioni meteo
  • potenziamento dei servizi offerti ai visitatori e più in generale alla collettività, tramite i nuovi sistemi Smart Wi-Fi per accesso alla rete internet e le ricariche elettriche per la mobilità sostenibile.

Documenti allegati:

2. Progetto di efficientamento "Polo Tursino"

Il progetto, tenendo conto del sistema edificio-impianto, è stato definito in due parti:

Creazione di un distretto energetico in via Garibaldi  tramite la costituzione di un accordo Partenariato Pubblico-Privato (PPP) e riqualificazione della vecchia centrale termica mediante Finanziamento Tramite Terzi.
Una linea di teleriscaldamento collegherà gli edifici Tursi, Albini, Galliera, Bianco e Daneo mentre la generazione in loco con apparecchiatura ad alta efficienza ridurrà i consumi migliorando la qualità dell’aria nel cuore della città.

vista dall'alto del polo tursino

Per aumentare  il più possibile il livello di efficienza energetica sono state impegnate delle risorse previste nella programmazione PON-Metro per il progetto di riqualificazione energetica dei serramenti degli edifici del "Polo Tursino" (Tursi, Albini, Galliera, Bianco).

La struttura è attualmente impegnata nella prima fase progettuale degli interventi mediante la stesura di diagnosi energetiche, studio di fattibilità e preparazione di prototipi da sottoporre al vaglio degli organi di Tutela.
Questa prima fase è stata conclusa nel primo semestre del 2017 e seguita dalla fase di progettazione esecutiva e successiva indizione di gara.

Documenti allegati:

 


3. Progetto di efficientamento degli immobili di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)

Collaborazione con la Regione Liguria per l'utilizzo dei fondi derivanti dal PON-Metro come cofinanziamento al programma europeo "Enershift"  per la gestione dell’efficientamento dei sistemi edificio/impianto degli immobili di ERP mediante ESCo. Il cofinanziamento previsto è pari a circa 2,5 mln di euro.
 


Link utili:

Ultimo aggiornamento: 15/02/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8