Fatturazione elettronica - Comunicazione ai fornitori (in allegato nuova tabella)

Dal 31 marzo 2015 decorrono gli obblighi in materia di fatturazione elettronica di cui al Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 118 del 22 maggio 2013, così come anticipati dal Decreto Legge n. 66/2014.

Da questa data è obbligatorio per i fornitori del Comune di Genova di emettere le fatture solo in formato elettronico, così come l'Amministrazione civica è obbligata a rifiutare le fatture ricevute con data del documento antecedente il 31 marzo 2015, emesse in formato cartaceo.

Le fatture elettroniche, predisposte come documenti digitali XML (eXtensible Markup Language), secondo il formato della FatturaPA, e firmate digitalmente dovranno essere trasmesse tramite uno dei canali previsti (PEC,SDICOPP, SPCCOOP, SDIFTP, WEB) al Sistema di interscambio (SdI).

I documenti s’intenderanno ricevuti dal Comune di Genova solo a fronte della notifica della ricevuta di consegna da parte del SdI.

Le fatture elettroniche hanno gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea, ma il formato prevede l’indicazione obbligatoria delle informazioni indispensabili per la corretta trasmissione della fattura al destinatario, quali il Codice Univoco Ufficio dell’indice IPA già comunicato dagli Uffici del Comune di Genova o reperibile nell’allegata nuova tabella (aggiornata al 9 maggio 2017). 

In assenza del codice univoco la fattura viene rifiutata dal Sistema.

Per una corretta trasmissione attraverso il Sistema di Interscambio devono, inoltre, essere obbligatoriamente riportate queste informazioni:
  • codice unico progetto CUP ( se obbligatorio)
  • codice identificativo di gara CIG (se obbligatorio)
  • numero del SAL (se previsto).

Per velocizzare contabilizzazione e pagamento delle fatture è opportuno che i fornitori indichino anche:
  • numero d’ordine
  • numero di contratto
  • ogni altra informazione che si ritiene utile ad identificare l’ufficio del Comune che ha ordinato la prestazione/lavoro e la prestazione stessa.

Qualora si riscontrasse l’assenza di informazioni indispensabili, il Comune di Genova provvede a respingere la fattura tramite il Sistema di Interscambio entro 15 giorni dalla data di consegna.

In questo caso il fornitore dovrà emettere e inviare una nuova fattura.

Si raccomanda ai fornitori di utilizzare esclusivamente il codice Ufficio comunicato dal Comune di Genova per le singole fatturazioni.

Il codice univoco IPA generico assegnato al Comune di Genova (UF8IAT) non potrà più essere utilizzato perché eliminato.
Ultimo aggiornamento: 09/05/2017
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8