Il sindaco Marco Doria e l'assessore Pino Boero hanno fatto visita ai rematori che parteciperanno alla 59a regata delle Repubbliche Marinare

"È importantissimo per il morale dei rematori sentire la vicinanza della città in questa fase di intensi allenamenti". Così l'allenatore Agostino Bignone, 19 regate delle Repubbliche sulle braccia, ha accolto sul molo del Centro Remiero di Prà il sindaco Marco Doria e l'assessore Pino Boero. "La presenza dell'amministrazione comunale ci incoraggia a quel lavoro di squadra che reputo decisivo per partecipare con successo alla 59a regata delle Repubbliche Marinare rappresentando i colori di Genova".
Anteprima: 
"È importantissimo per il morale dei rematori sentire la vicinanza della città in questa fase di intensi allenamenti". Così l'allenatore Agostino Bignone, 19 regate delle Repubbliche sulle braccia, ha accolto sul molo del Centro Remiero di Prà il sindaco Marco Doria e l'assessore Pino Boero...
Immagine caricata: 
Testo Alternativo

"Genova More Than This" definitele modalità di utilizzo commerciale

Titolazione
Cambia il collegamento del titolo: 
No
Titolo principale: 
"Genova More Than This" definite le modalità di utilizzo commerciale
Titolo secondario: 
"Genova More Than This" definite le modalità di utilizzo commerciale
Titolo In Ultima: 
"Genova More Than This" definite
le modalità di utilizzo commerciale
Anteprima
Anteprima: 
A due settimane dalla presentazione del nuovo brand, molti soggetti pubblici e privati hanno chiesto di usare il nuovo logo. La Giunta comunale ha quindi approvato, giovedì 3 aprile, una delibera che regolamenta l’utilizzo del logo in una prima fase sperimentale, che durerà fino al 28 febbraio 2015, con l’obiettivo di  intensificare sempre più la visibilità e la promozione della città. La fase sperimentale durerà fino al 28 febbraio 2015. 

Correlazioni
Autori
Mostra Autore sotto l'abstract: 
no
Copertina
Formato immagine di copertina: 
470x250
Usa copertina alternativa: 
Utilizza Copertina alternativa
Scelta Copertina: 
Immagine
Immagine Copertina: 
Testo Alternativo

"Genova More Than This" definite le modalità di utilizzo commerciale

"Genova More Than This" definite
le modalità di utilizzo commerciale
"Genova More Than This" definite
le modalità di utilizzo commerciale
A due settimane dalla presentazione del nuovo brand, molti soggetti pubblici e privati hanno chiesto di usare il nuovo logo. Approvata giovedì 3 aprile dalla Giunta una delibera che ne regolamenta l'uso. La fase sperimentale durerà fino al 28 febbraio 2015
A due settimane dalla presentazione del nuovo brand, molti soggetti pubblici e privati hanno chiesto di usare il nuovo logo. Approvata giovedì 3 aprile dalla Giunta una delibera che ne regolamenta l'uso. La fase sperimentale durerà fino al 28 febbraio 2015
A due settimane dalla presentazione del nuovo brand “Genova More Than This”, molti soggetti pubblici e privati hanno chiesto di usare il nuovo logo, vincitore del Concorso internazionale di Idee legato al progetto europeo City Logo.

La Giunta comunale ha quindi approvato, giovedì 3 aprile, una delibera che regolamenta l’utilizzo del logo in una prima fase sperimentale, che durerà fino al 28 febbraio 2015, con l’obiettivo di  intensificare sempre più la visibilità e la promozione della città.

La finalità  è quella  di  verificare l’efficacia promozionale dei diversi utilizzi del logo ai fini commerciali , valutando l’andamento e la risposta del mercato, ottenere utili indicazioni circa i target; le tipologie di prodotto; i possibili obiettivi di vendita; tipicità, quantità e qualità dei prodotti; capacità del merchandising di favorire la diffusione e visibilità del logo/marchio; rapporto qualità/prezzo. 

Il Comune di Genova stipula quindi  un contratto con le aziende interessate a produrre merchandising con il logo, che possono ottenerne l’uso in via non esclusiva, rispettando le indicazioni del manuale d’uso tecnico e riconoscendo al Comune una royalty pari al 7 per cento del fatturato relativo alla vendita dei prodotti.

L’importo della royalty è stato stabilito dopo un confronto con altre città europee con caratteristiche analoghe, da cui è emerso che le royalties applicate variano dal cinque al dieci per cento del venduto.

L’uso  promozionale, a fini non commerciali, da parte di soggetti pubblici e privati, interessati a collaborare con la civica amministrazione nella strategia di city branding  è possibile con l’invio di lettera di richiesta al Comune di Genova, direzione Comunicazione e Promozione della Città, Ufficio Comunicazione (comunicazioneventi@comune.genova.it), nel rispetto del manuale d’uso che contiene tutte le indicazioni tecniche per l’uso corretto del logo stesso
Testo Alternativo
No
Visualizza

Segnaletica stradale, funzioni decentrate a due municipi

Titolazione
Cambia il collegamento del titolo: 
No
Titolo principale: 
Segnaletica stradale, funzioni decentrate a due municipi
Titolo secondario: 
Segnaletica stradale, funzioni decentrate a due municipi
Titolo In Ultima: 
Segnaletica stradale, funzioni decentrate a due municipi
Anteprima
Anteprima: 
Deliberato in Giunta, su proposta dell’assessore Anna Maria Dagnino di concerto con l’assessore Giovanni Crivello, l'avvio della sperimentazione sulla segnaletica stradale nei Municipi  Ponente e Bassa Valbisagno. Saranno gli stessi Municipi a gestirne direttamente il ripristino. Assessore Dagnino: “Questa delibera segna un passo importante verso il percorso di valorizzazione e potenziamento del ruolo dei Municipi perché, per quanto riguarda le materie che ne costituiscono l’oggetto, si tratta di un vero e proprio trasferimento di competenze in via esclusiva ai Municipi stessi"
Correlazioni
Autori
Mostra Autore sotto l'abstract: 
no
Copertina
Formato immagine di copertina: 
470x250
Usa copertina alternativa: 
no

Segnaletica stradale funzioni decentrate a due municipi

Segnaletica stradale funzioni decentrate a due municipi
Segnaletica stradale funzioni decentrate a due municipi
Questa mattina la Giunta comunale, su proposta dell’assessore Anna Maria Dagnino di concerto con l’assessore Giovanni Crivello, ha deliberato di avviare la sperimentazione sulla segnaletica stradale nei Municipi  Ponente e Bassa Valbisagno: saranno i Municipi stessi a gestirne direttamente il ripristino.
Questa mattina la Giunta comunale, su proposta dell’assessore Anna Maria Dagnino di concerto con l’assessore Giovanni Crivello, ha deliberato di avviare la sperimentazione sulla segnaletica stradale nei Municipi  Ponente e Bassa Valbisagno: saranno i Municipi stessi a gestirne direttamente il ripristino.

La sperimentazione punta a semplificare le procedure, ridurre i tempi di realizzazione degli interventi, migliorare la risposta ai cittadini rendendola più aderente alla realtà locale. Il provvedimento riguarda la gestione della procedura amministrativa e contabile, compresa l'emissione di ordinanza dirigenziale (previo parere del distretto di zona della polizia municipale) degli interventi per:
- ripristino della segnaletica orizzontale afferente la viabilità locale
- ripristino della segnaletica verticale su tutto il territorio del municipio (paline, paletti, dissuasori, specchi parabolici)
- rimozione della segnaletica verticale obsoleta
L'attuazione degli interventi sarà sempre affidata ad Aster, ma i due Municipi potranno relazionarsi direttamente con l'azienda. La sperimentazione durerà sei mesi, sarà sottoposta a verifiche bimestrali e alla valutazione finale con l'intento di confermare la nuova procedura ed estenderla a tutti gli altri municipi.

“Questa delibera segna un passo importante verso il percorso di valorizzazione e potenziamento del ruolo dei Municipi perché, per quanto riguarda le materie che ne costituiscono l’oggetto, si tratta di un vero e proprio trasferimento di competenze in via esclusiva ai Municipi stessi, dal primo all’ultimo atto – chiarisce l’assessore Dagnino - Particolarmente importante è il ripristino della segnaletica orizzontale e verticale, soprattutto per la sicurezza di pedoni e automobili, in una città grande e articolata come la nostra. E’ evidente, per fare qualche esempio, che il monitoraggio dello stato di conservazione delle strisce pedonali o dei cartelli segnaletici sia decisamente più tempestivo ed efficace se svolto direttamente da chi vive e controlla da vicino il territorio. Auspico che dopo la sperimentazione e la verifica che verrà fatta, questa scelta venga estesa a tutti i Municipi, anche per garantire un’organizzazione omogenea su tutto il territorio comunale. Oltre a queste nuove competenze specifiche, la delibera riafferma una metodologia di confronto e condivisione già collaudata con i Municipi: dal territorio continueranno ad arrivare all’assessorato alla mobilità proposte su interventi di regolazione del traffico, che saranno discusse e approfondite insieme".

Sempre in ambito di decentramento, la delibera approvata oggi contiene, inoltre, un’integrazione delle disposizioni precedenti (delibera di Giunta 502/2007) che già assegnavano ai municipi la facoltà di autorizzare l’installazione su suolo pubblico, a spese dei privati e in regime Cosap, di dissuasori della sosta (articolo 42 del codice della strada) quali pali, paletti, colonne a blocco, cordolature, cordoni, cassonetti e fioriere, in corrispondenza dei passi carrabili. Da oggi, nei Municipi, sarà possibile ottenere anche l’autorizzazione all’istallazione di dissuasori a tutela di passi carrabili o accessi pedonali quali portoni, ingresso o varchi in genere.

Testo Alternativo
No
Visualizza

Cordoglio del Sindaco Marco Doria per la morte del professor Marmont

Alberto Marmont du Haut Champ ha illuminato il mondo scientifico e medico. Alla sua prestigiosa scuola è cresciuta una medicina di altissimo livello. La sua opera ha reso onore alla nostra città, che nel 2008 gli conferì il Grifo e oggi lo ricorda con gratitudine. Uomo di scienza e medico, amava la letteratura in una visione umanistica fondamentale per la cura delle persone.
Anteprima: 
Alberto Marmont du Haut Champ ha illuminato il mondo scientifico e medico. Alla sua prestigiosa scuola è cresciuta una medicina di altissimo livello. La sua opera ha reso onore alla nostra città, che nel 2008 gli conferì il Grifo e oggi lo ricorda con gratitudine. Uomo di scienza e medico, amava la letteratura in una visione umanistica fondamentale per la cura delle persone.

Le "Scatole di Zoe" un DVD spiegaai ragazzi come difendersi dalle calamità

Titolazione
Cambia il collegamento del titolo: 
No
Titolo principale: 
Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega ai ragazzi come difendersi dalle calamità
Titolo secondario: 
Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega ai ragazzi come difendersi dalle calamità
Titolo In Ultima: 
Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega
ai ragazzi come difendersi dalle calamità
Anteprima
Anteprima: 
Dopo il libretto informativo “Niente paura”, distribuito nelle scuole, continua la campagna di informazione del Comune di Genova per diffondere una vera cultura di Protezione Civile. Non un documentario ma un cortometraggio d'animazione veloce e divertente, destinato a conquistare l'attenzione di giovani e adulti
Correlazioni
Autori
Mostra Autore sotto l'abstract: 
no
Copertina
Formato immagine di copertina: 
470x250
Usa copertina alternativa: 
no

Partecipa

Partecipa Erzelli

Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega ai ragazzi come difendersi dalle calamità

Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega
ai ragazzi come difendersi dalle calamità
Le "Scatole di Zoe" un DVD spiega
ai ragazzi come difendersi dalle calamità
Dopo il libretto informativo “Niente paura”, distribuito nelle scuole, continua la campagna di informazione del Comune di Genova per diffondere una vera cultura di Protezione Civile. Non un documentario ma un cortometraggio d'animazione veloce e divertente, destinato a conquistare l'attenzione di giovani e adulti
Dopo il libretto informativo “Niente paura”, distribuito nelle scuole, continua la campagna di informazione del Comune di Genova per diffondere una vera cultura di Protezione Civile. Non un documentario ma un cortometraggio d'animazione veloce e divertente, destinato a conquistare l'attenzione di giovani e adulti
“Le Scatole di Zoe” è un DVD per le scuole genovesi commissionato dalla Protezione Civile del Comune di Genova alla Film Commission sul tema delle norme di autoprotezione sui rischi ambientali: alluvione, frane, incendi, terremoto, neve. Lo scopo è fare della cittadinanza attiva un valore, e, del senso di responsabilità e solidarietà, le basi irrinunciabili per diffondere una vera "cultura di Protezione Civile".

Il DVD sarà utilizzato dagli insegnanti e dagli operatori di Protezione Civile come supporto didattico negli incontri di sensibilizzazione nelle scuole e le sue immagini potranno favorire l’aumento della consapevolezza e la conoscenza del rischio, per meglio prevenirlo e gestirlo, attraverso l’adozione delle più corrette norme comportamentali.

La sicurezza, ha detto Gianni Crivello, assessore alla protezione civile, è un fatto culturale da trasmettere ai ragazzi e alle loro famiglie, insegnando le norme di autotutela, affinchè quanto è accaduto nel 2010 a Sestri e nel 2011 sul Fereggiano non si ripeta. Questa Amministrazione mette la Protezione Civile al primo posto dei propri impegni di lavoro. 

L'assessore alle istituzioni scolastiche Pino Boero, ha sottolineato che, in tema di prevenzione, rivolgersi ai ragazzi e alle loro famiglie è fondamentale. Gli adulti, spesso, lanciano dei messaggi attraverso la formula del "comandamento", ma le imposizioni dall'alto non hanno effetto, se non invitare alla trasgressione. Lo spirito di questo DVD è informare su rischi e pericoli di un comportamento a rischio senza creare timore o paura, divertendosi con spirito ludico.

Abbiamo deciso di coinvolgere, ha detto Monica Bocchiardo, responsabile della protezione civile del Comune di Genova, con un DVD divertente, dalle tecniche cinematografiche accattivanti, i ragazzi dalle elementari alle superiori, per convincerli a rispettare le norme di auto comportamento. Zoe significa vita, il bambino nel cliccare ogni singola opzione interattiva, rappresentata da una scatola, vede quali comportamenti deve adottare in caso di rischio.

Messaggi e consigli contenuti nel DVD seguono le regole della moderna comunicazione, “cinguetta” come twitter e socializza come “facebook”, non supera mai i 140 caratteri, impatta come un gioco, diverte come un fumetto. La tecnica è caratterizzata dall’animazione fotografica, il set ha le dimensioni di foglio A4, dove la caricatura buffa di oggetti di uso quotidiano,cellulari, ombrelli, televisori, fanno da cornice a una giovane attrice spaesata, in un mix-look tipo video game. 
Testo Alternativo
No
Visualizza

Partecipa diventa wiki, se ne è parlato agli Erzelli

Titolazione
Cambia il collegamento del titolo: 
No
Titolo principale: 
Partecipa diventa wiki, se ne è parlato agli Erzelli
Titolo secondario: 
Partecipa diventa wiki, se ne è parlato agli Erzelli
Titolo In Ultima: 
Partecipa diventa wiki, se ne è parlato agli Erzelli
Anteprima
Anteprima: 
I cittadini propongono, decidono e, se vogliono, contribuiscono. Queste le parole chiave delle politiche wiki. Mercoledì poemriggio agli Erzelli si è svolto un incontro pubblico su Partecip@, l'iniziativa  pilota, lanciata con un bando del Municipio Centro Est,  per la sperimentazione di pratiche di democrazia partecipativa che mettano al centro la cittadinanza attiva, la partecipazione, la cura dei beni comuni e del territorio. Dedicato al progetto il 10% delle risorse destinate agli investimenti in conto capitale del Municipio.
Correlazioni
Autori
Mostra Autore sotto l'abstract: 
no
Copertina
Formato immagine di copertina: 
470x250
Usa copertina alternativa: 
no
Condividi contenuti
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Comune di Genova Web è un quotidiano online iscritto al Registro Stampa del Tribunale di Genova, Reg. N. 26/2011 del 22/11/2011
Direttore Responsabile: Cesare Torre
Caporedattore: Alessandra Ramagli
Sono supplementi quotidiani di Comune di Genova Web le testate "Vivere Genova" e "The Genoa Municipality Channel"