Antichi mestieri genovesi

Testo Alternativo
Testo Alternativo
Venditrice di nisseue
 
Appare difficile da credere che nel 1700 ci sia stato qualcuno che per campare , abbia svolto una attività tanto strana ed improponibile come venditore di nocciole e canestrelli,ma la cosa in effetti risulta reale e praticata.
Frequentemente si vedeva, durante le sagre paesane, fiere e nei mercati, il venditore appunto di nocciole e precisamente le collane fatte con le nocciole chiamate in genovese “reste”.
C’era l’usanza tra i giovani maschi di regalare alla fidanzata una collana , una “resta” che veniva messa al collo a mò di collana, come significato di buon augurio di un felice eventuale matrimonio, ed a ribadire il desiderio del fidanzato di tenere legata nel tempo la propria amata.
L’ambulante di nocciole ,che praticava quel buffo mestiere, più famosa e conosciuta nel 1800 era Caterina Campodonico, una semplice paesana ,quasi analfabeta, nata a Genova nel 1804, che girava per i mercati di Liguria vendendo canestrelli e nocciole. Risulta però, che non fosse particolarmente amata dalle sorelle, che le criticavano il fatto di avere contatti frequenti con altri collegi ambulanti uomini, dando adito alle malelingue che i suoi proventi non derivassero unicamente dalla vendita di nocciole,canestrelli e “reste” per i fidanzati.
Nel 1882 oramai vicino agli ottanta anni, e sentendo arrivare l’ora della sua dipartita dal mondo terreno, ed essendo desiderosa di lasciare ai posteri un ricordo di sé, dette incarico all’allora noto e costoso scultore Lorenzo Orengo, di edificare una statua con la sue effige e con gli attrezzi del suo mestiere : canestrelli, nocciole e reste.
Proprio con i proventi del suo lungo e faticoso lavoro, all’aria aperta col caldo afoso e con i freddi più pungenti, proventi accantonati anno dopo anno, e forse per quel desiderio di lasciare un suo concreto ricordo a chi l’aveva amata e conosciuta realizzò effettivamente, il suo sogno: una imponente statuamarmorea tutt’ora presente e visibile nel Cimitero Monumentale di Genova Staglieno.
Non fu sicuramente l’unica ma senza dubbio la più conosciuta fabbricatrice di “reste” e venditrice de “nisseue”.

PICCOLO GLOSSARIO ITALIANO - GENOVESE

Nocciole = nisseue
Noci = noxi
Fidanzato = galante
Staglieno = Stagën
Mercato = mercou
Fiera = fëa
Mandorle = amandoa
Signorina = fantinn-a
Sposi = sposoei
Sogno = seunno




Testo di Claudio Pittaluga
Illustrazione di Gino Andrea Carosini
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8