Trasporto dei cani
Relativamente al trasporto di cani sui veicoli a motore a quattro ruote, nel caso siano trasportati in numero superiore a uno, devono essere custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo.
Se installati in via permanente, tali mezzi divisori devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione Generale della M.C.T.C.

In caso di trasporto di cani su veicoli a motore a due ruote, il conducente deve avere libero uso delle braccia, delle mani e delle gambe, deve stare seduto in posizione corretta e deve reggere il manubrio con ambedue le mani, ovvero con una mano in caso di necessità per le opportune manovre o segnalazioni. Il trasporto di cani è consentito purché l’apposita gabbia o contenitore che occorre utilizzare sia solidamente assicurata, non sporga lateralmente rispetto all’asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso e non impedisca o limiti la  visibilità al conducente. 

Il trasporto e la custodia dei cani deve avvenire con modalità adeguate alla specie, con esclusione di ogni sofferenza, garantendo areazione, somministrazione di acqua e cibo e soste in caso di viaggi prolungati ed evitando l’esposizione ai raggi solari e alle fonti eccessive di calore o freddo. 
Inoltre il mezzo di trasporto deve garantire al cane lo spazio sufficiente per restare eretto in posizione naturale e la possibilità di coricarsi. 
I mezzi di trasporto e i contenitori devono essere costruiti in modo tale da proteggere i cani dalle intemperie e da forti variazioni climatiche.
Ventilazione e cubatura d’aria devono essere adeguate alle condizioni di trasporto.

Per quanto riguarda il trasporto su treno, si consiglia di chiedere informazioni prima di mettersi in viaggio direttamente alle Ferrovie dello Stato, vista la diversa regolamentazione sul trasporto rispetto alla tipologia del treno.Generalmente si ammette il trasporto gratuito di piccoli cani racchiusi in appositi contenitori di dimensioni non superiori a cm 70x50x30. Tali contenitori devono essere realizzati in maniera tale da rispettare le condizioni etologiche dell'animale e da escludere qualsiasi lesione o danno sia ai viaggiatori che alle vetture.
Gli animali di grossa taglia, muniti di giunzaglio e museruola, potranno viaggiare nei luoghi e nei modi consentiti dal regolamento delle Ferrovie dello Stato pagando di norma un titolo di viaggio ridotto del 50%.

Per quanto riguarda il trasporto in nave o traghetto non esistono norme universalmante valide. Occorre informarsi sulle condizioni stabilite dalla Compagnia di Navigazione con cui si viaggia. In genere il trasporto è gratuito; può essere però vietato l'accesso alle cabine e previsto l'utilizzo di aree e spazi riservai. Il mantenimento e le cure sono a carico del proprietario.

Per quanto riguarda il trasporto aereo non esiste normativa apposita ma alcune regole vengono fornite dal Regolamento IATA. Gli animali possono essere trasportati come bagaglio al seguito del passeggero in un'apposito contenitore, di dimensioni non superiori a  46,5x25x31. Generalmente dovrebbero essere trasportati nel reparto bagagliaio, ma su richiesta del passeggero può essere eccezionalmente consentito il trasporto in cabina purchè siano rispettate le condizioni imposte.

Per tutti i collegamenti è richiesto il certificato veterinario attestante che l'animale non sia affetto da malattia. Per i collegamenti con la Sardegna è richiesto il certificato veterinario di vaccinazione antirabbica.

E' stato recentemente introdotto in ambito nazionale il "Passaporto Europeo per gli Animali da Compagnia". Tale documento, attestante la vaccinazione antirabbica e gli eventuali altri trattamenti a cui è stato sottoposto l'animale, è rilasciato dalla A.S.L di riferimento. In caso di viaggio all'estero, tale documento è obbligatorio nell'ambito della Comunità Europea, mentre per i paesi extra-comunitari occorrerà informarsi sulla normativa vigente nel paese di destinazione.

In ogni caso il trasporto dovrà avvenire con modalità tali da evitare di sottoporre l'animale a maltrattamenti o sofferenze.

I cani guida dei ciechi sono ammessi in qualunque treno e classe.

Relativamente alle condizioni di viaggio sui treni Eurostar, è ammesso il trasporto di cani di piccola taglia ma con contenitori più piccoli (32x32x50); sulle carrozze cuccette sono ammessi soltanto i cani guida per ciechi  negli scompartimenti in uso esclusivo; nei vagoni letto è consentito il trasporto di cani di piccola taglia negli scompartimenti in uso esclusivo, con il pagamento del biglietto di seconda classe ridotto del 40% e della tassa di disinfestazione. 

Per il trasporto in nave e traghetto non esiste normativa apposita, occorre informarsi sulle condizioni stabilite dalla Compagnia di Navigazione con cui si viaggia. In genere il trasporto è gratuito; può essere però vietato l’accesso alle cabine e prevedendo l’utilizzo di spazi ed aree riservati a cani dotati di museruola; il mantenimento e le cure sono a carico del proprietario.

Per tutti i collegamenti è richiesto il certificato veterinario attestante che il cane non sia affetto da malattia. Per i collegamenti con la Sardegna è richiesto il certificato veterinario di vaccinazione antirabbica. 

Per quanto riguarda il trasporto aereo dei cani non esiste normativa apposita ma alcune regole vengono fornite dal Regolamento sull’assistenza bagagli particolari dell’Associazione IATA solo per esemplari di piccole dimensioni come bagaglio al seguito dei passeggeri: generalmente devono essere trasportati nel reparto bagagliaio ma, su richiesta del passeggero, può essere consentito eccezionalmente il trasporto in cabina purché siano rispettate le condizioni imposte.

E' stato recentemente introdotto in ambito nazionale  il "passaporto"per i cani che devono recarsi all'estero: tale documento è rilasciato dalla ASL 3 GENOVESE - U.O. Sanità Animale, Via Bertani 4, ove è possibile reperire le indicazioni per ottenerlo.

In ogni caso il trasporto deve avvenire con modalità tali da evitare di sottoporre l'animale a maltrattamenti e sofferenze.
Ultimo aggiornamento: 20/03/2014
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8