Antichi mestieri genovesi

Testo Alternativo
Testo Alternativo
Tonnarotti
Ossia pescatori di tonni. Alcuni pescatori genovesi  intorno al 1730 emigrarono in Sardegna con le intere famiglie e si trasferirono definitivamente sulla costa, dove la pesca del tonno, rispetto ai mari della Liguria,  era più proficua.
Tuttora a Carloforte, nell’isola di San Pietro si sente parlare dialetto genovese, come se ci si trovasse tra le  vie di Pegli.
Le mire di conquista di Genova nel 1100 per il possedimento della Sardegna e della Corsica avevano  avvicinato, non sempre in maniera amichevole, i genovesi col popolo sardo e quello corso.
Le diverse popolazioni, volenti o nolenti si erano trovate  in un concambio di tradizioni, usi e costumi arricchendo  culturalmente entrambi.



PICCOLO GLOSSARIO ITALIANO - GENOVESE

Amo: lammo
Famiglia: famiggia
Pescatori: pescoei
Scoglio: scheuggio
Rete: rae
Fiocina: arpon
Pesce: pescio
Tonno: tonno (pronuncia tunnu)




Testo di Claudio Pittaluga
Illustrazione di Gino Andrea Carosini
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8