TASI: FAQ - Domande frequenti
                                                       FAQ TASI
                                           (aggiornamento marzo 2018)

Per l’anno 2018 è confermata l’abolizione della TASI sull’abitazione principale?
Sì, anche per l’anno 2018 è confermata l’abolizione della TASI sull’abitazione principale e relative pertinenze introdotta dalla legge di Stabilità 2016. Sulle unità immobiliari classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 è necessario versare l’IMU. L’abolizione riguarda anche gli immobili assimilati ad abitazione principale per legge e per regolamento.

Se marito e moglie hanno la residenza in due case diverse di loro proprietà nel comune di Genova, possono considerarle entrambe abitazione principale e quindi esenti da TASI?
NO, non è possibile perché l’agevolazione per l’abitazione principale e relative pertinenze in questo caso si può applicare per uno solo dei due immobili. I coniugi devono scegliere quale delle due abitazioni è da considerare abitazione principale del nucleo familiare. Il proprietario residente nell’abitazione scelta come tale potrà usufruire delle agevolazioni per abitazione principale ed è tenuto a presentare la dichiarazione IMU.

Nel 2018 il Comune ha la possibilità di assimilare ad abitazione principale gli immobili concessi in comodato, rendendoli quindi esenti TASI?
No, come già per gli anni 2016 e 2017 non esiste questa possibilità. Sugli immobili concessi in comodato ad un parente in linea retta entro il primo grado che la utilizzi come abitazione principale si applica l’IMU, con la riduzione della base imponibile del 50%, fatta eccezione per le unità immobiliari classificate come A/1, A/8 e A/9, a condizione che il contratto di comodato sia registrato e che il comodante non possieda altro immobile in Italia e risieda anagraficamente e dimori abitualmente nel comune di Genova. Il beneficio si applica comunque anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda l’immobile adibito a propria abitazione

Quali sono gli immobili soggetti a TASI nell’anno 2018 nel Comune di Genova?
Sono soggetti a TASI:
- gli immobili strumentali all'attività agricola di cui all’articolo 13, comma 8, del decreto legge 6 dicembre 2011, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214  
- i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati.
In entrambi i casi si applica l’aliquota dello 0,1 per cento. Questi immobili sono esenti da IMU.

Nell’anno 2018 sono state introdotte modifiche al Regolamento TASI relativamente ai versamenti?
Sì, è stata prevista la possibilità di considerare regolarmente eseguiti i versamenti effettuati da un contitolare anche per conto degli altri, nonché quelli effettuati a nome del de cuius da parte degli eredi entro un anno dal decesso e dal proprietario per conto dei titolari di diritti reali, a condizione che l’imposta risulti pagata nel suo totale ammontare e sia espressamente attestata la volontà di rinunciare al rimborso da parte del soggetto legittimato a proporre tale istanza.
A tal fine verrà predisposto un apposito modulo scaricabile dalla Sezione “TASI” – “modulistica”.


Ultimo aggiornamento: 27/03/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8