Svincolo di box o posto auto asservito
In linea generale è possibile svincolare un box o un posto se l’intervento edilizio è conforme al PUC.

Occorre però precisare quanto segue:
non è possibile lo svincolo
  • se la norma di PRG o di PUC che imponeva l’asservimento di parcheggi non è stata successivamente modificata
  • se il box o il posto auto è stato reso pertinenziale in forza dell’art .9 della L. 122/89 – peraltro sulla base della ratio della norma e della valutazione dei casi concreti si ritiene possibile lo svincolo dei parcheggi asserviti in forza della norma di cui sopra nell’ipotesi in cui questo articolo sia “impropriamente richiamato nell’atto notarile” per un errore dimostrabile e cioè che l’intervento edilizio non presupponeva la deroga alle norme urbanistiche e di regolamento edilizio vigenti al momento della sua realizzazione e non è in contrasto con quelle alla data dell’istanza di svincolo; in tale ipotesi dovrà comunque essere dimostrato che l’immobile principale conserva un’altra superficie destinata a parcheggi nei limiti dell’art 2, comma 2, L. 122/89.
è possibile lo svincolo
  • per tutti i box o posti auto realizzati dalla data di entrata in vigore della L. 246/05
  • per parcheggi a suo tempo asserviti ai sensi dell’art. 7, comma 2, L. 94/82 e ai sensi dell’ art 2, L. 662/96
  • per tutti i parcheggi realizzati anteriormente alla L. 246/05 a condizione che sia dimostrata l’eccedenza di parcheggi rispetto alla quantità prevista dalla normativa vigente alla data di realizzazione della costruzione del parcheggio che si intende svincolare.In tale caso, se trattasi di parcheggi risalenti a prima del 1989 la misura minima di dotazione (art. 18, L. 765/67) è di 1 mq. ogni 20 mc. di costruzione, se invece trattasi di parcheggi realizzati dopo l’entrata in vigore della L. 122/89 la misura minima di dotazione (art. 2, comma 2, L. 122/89) è di 1 mq. ogni 10 mc. di costruzione.
Acquisito il parere favorevole viene rilasciato il provvedimento di svincolo previa corresponsione di contributo concessorio dovuto - ai sensi della legge L.R. 16/08 e s.m.i. - che, come previsto dalla D.C.C. n. 29 del 27.0.1996, in applicazione della L.R. 25/95, può anche essere autodeterminato da un tecnico abilitato incaricato dal richiedente.

Si precisa inoltre che ai sensi dell’art. 10, L. 35/2012 che ha modificato l’art. 9 comma 5, L. 122/89 è consentita  la cessione dei parcheggi pertinenziali realizzati  ai sensi dell’art. 9, comma 1,  L. 122/89 nei termini e nelle condizioni indicate.

Si informa, peraltro, che tutti i dati tecnici relativi alle diverse modalità di presentazione delle pratiche edilizie sono contenuti nella piattaforma informatica dello Sportello Unico dell'Edilizia.

E' anche disponibile per utenti non accreditati  la versione dimostrativa del portale dell'Edilizia (link)

Per la trasmissione delle domande on-line si può accedere direttamente al seguente link:
http://servizionline.comune.genova.it/AvvioPratica/sue.asp.

E' attivo tutti i giorni dal Lunedì al Giovedì dalle ore  9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 16 e al Venerdì dalle ore 9 alle ore 12 l'help desk telefonico 010 5573880  dove verrà fornita assistenza telefonica per l’invio informatico delle pratiche edilizie allo SUE.
 
Ultimo aggiornamento: 13/07/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8