Stasera la Nazionale in campo con “Genova nel cuore”

Dopo 4 anni gli Azzurri tornano al Ferraris per sfidare in amichevole l’Ucraina. La Fgic dedica la trasferta alla tragedia del crollo del ponte Morandi. Una corona di fiori posta dalla squadra vicino alle macerie. Commovente incontro dei calciatori con gli orfani. Presenti stasera allo stadio i ragazzi di via Porro e gli sfollati. Al 43’ del primo tempo un minuto di silenzio in ricordo delle 43 vittime

Testo Alternativo
Manca poco al fischio iniziale dell'incontro amichevole tra le nazionali di calcio di Italia e Ucraina che questa sera si sfideranno allo stadio Luigi Ferraris. Un match dal sapore speciale che la Figc ha deciso di dedicare alle vittime del crollo del ponte Morandi del 14 agosto scorso.

Al 43' del primo tempo l'arbitro interromperà il gioco per un minuto di silenzio in ricordo delle 43 persone che hanno perso la vita, nei confronti delle loro famiglie e dei genovesi che hanno dovuto lasciare la propria abitazione e vivono in condizioni particolarmente difficili in questo momento.

"Giocare al Ferraris - ha detto il commissario tecnico Roberto Mancini - è una cosa molto importante e spero possa essere di aiuto alla città. Mi riempie di gioia poter fare qualcosa per Genova. Abbiamo trascorso due giorni veramente speciali e crediamo di aver alleviato il dolore di tutte le persone che sono state colpite da questa tragedia. I genovesi sono forti soprattutto nei momenti difficili, è una situazione incredibile e la nostra speranza è che la Nazionale possa portare un po’ di gioia".

Ieri pomeriggio alle 17, subito dopo l'atterraggio al Cristoforo Colombo, gli Azzurri si sono recati nei pressi del Ponte Morandi, per deporre una corona di fiori della Fgic con il messaggio "Genova nel cuore". Un momento di raccoglimento e un omaggio composto alle vittime e alla città. Anche la squadra dell'Ucraina si è spinta a pochi metri dal viadotto crollato per osservare da vicino le macerie e deporre mazzi di fiori. Le due nazionali sono state guidate nel corso della cerimonia dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Verso le 18, al loro arrivo allo stadio Luigi Ferraris, gli Azzurri hanno incontrato gli orfani della tragedia per i quali la Figc ha stanziato dei fondi propri a favore di una borsa di studio per i prossimi 3 anni. Ai ragazzi la Federazione gioco calcio ha regalato una maglietta della nazionale con i loro nomi. Erano presenti all'incontro gli assessori regionali Ilaria Cavo e Giacomo Giampedrone e il consigliere delegato allo sport Stefano Anzalone.

"Sono bambini - ha detto Roberto Mancini - che hanno perso uno o entrambi i genitori. Siamo di fronte a una tragedia tanto immane quanto assurda. Crediamo di aver portato un sorriso, un momento di felicità. Erano molto contenti di vedere i giocatori e di aver ricevuto in dono una maglia azzurra con il loro nome dietro. Spero che questo gesto possa essere un pochino d'aiuto al loro immenso dolore".

"Oggi è stata una giornata molto emozionante - ha detto Stefano Anzalone -. Condividere con la nostra nazionale questi momenti salda ancora di più il legame tra la nostra città e il mondo dello sport. Un ringraziamento speciale va anche alla nazionale ucraina per la grande vicinanza che ha dimostrato ai genovesi colpiti da questa tragedia. Aver regalato a 9 ragazzi le magliette della nazionale personalizzate è stato un momento commovente e la prova che lo sport ha un grande cuore, che questa sera batterà per Genova".

Saranno presenti in tribuna anche 100 tra bambini e ragazzi della zona rossa della città.  Le squadre entreranno in campo accompagnate dai player escort che indosseranno le maglie ‘Genova nel cuore’, la stessa scritta sarà riportata sulle maglia della Nazionale personalizzata per quest’occasione particolare. Nel corso della partita, trasmessa da RAI 1, saranno fornite tutte le indicazioni per favorire le donazioni da parte dei telespettatori.

In occasione dell’incontro di calcio Italia-Ucraina in programma mercoledì 10 ottobre alle ore 20.45 allo stadio Luigi Ferraris, la metropolitana sarà in servizio fino a mezzanotte sull’intera tratta da Brignole a Brin (ultima corsa da Brignole per Brin a mezzanotte). La metro effettua servizio non stop tutte le notti sulla tratta Brin-Dinegro. Sarà inoltre attivo il servizio delle linee BM (Molassana – Stadio) con arrivo a piazzale Marassi e SM (piazza Acquaverde – Stadio) con arrivo in via Monticelli.
10 ottobre 2018
Ultimo aggiornamento: 10/10/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8