Genova per la Legalità

Testo Alternativo
Soggetto 3 - Sì al lavoro regolare e No all'abusivismo

Le imprese artigiane che, con il loro lavoro e con la loro competenza, hanno reso grande il nostro Paese e la nostra Città, costituiscono la spina dorsale del sistema economico e produttivo italiano, costituito per lo più dalla piccola e media impresa.
Negli ultimi anni, insieme agli altri fattori di accresciuta competitività, il nostro patrimonio imprenditoriale artigiano è fortemente esposto alla concorrenza sleale del sommerso, dell’abusivismo e del lavoro irregolare.

Diverse ricerche accreditate, tra cui quella di EuroBarometro, descrivono il valore dell’economia sommersa in crescita ininterrotta nel nostro Paese, con percentuali crescenti di cittadini/consumatori che hanno effettuato nell’ultimo anno acquisti di beni e servizi che contengono lavoro irregolare.

Seppure il fenomeno dell’abusivismo artigiano presenti forti differenziazioni territoriali, con regioni e realtà metropolitane colpite in misura differente, purtroppo gli effetti, in termini di concorrenza sleale, si fa sentire anche nella nostra città.

Anche a Genova, pertanto, l’abusivismo è direttamente collegato alla crisi del settore artigiano.

I settori più a rischio risultano essere:
Come approfondiremo di seguito, questo esercito di abusivi, non solo fa concorrenza sleale alle imprese regolari ma determina una rilevante evasione fiscale e contributiva.

Il Comune di Genova, anche attraverso la promozione di comportamenti consapevoli da parte dei cittadini-consumatori, intende combattere il fenomeno in maniera strutturale, intervenendo su tutto ciò che ostacola la corretta attività delle imprese che lavorano regolarmente.
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8