Sequestro, affidamento e ritrovamento
La disciplina civilistica prevede la pubblicazione del ritrovamento di animali di specie appartenenti all’allegato B nell'albo pretorio per due domeniche successive e l'affidamento temporaneo  a chi lo abbia ritrovato, qualora si dimostri idoneo.

Gli animali di specie appartenenti all’allegato A ritrovati di provenienza non accertata, devono essere denunciati al Corpo Forestale dello Stato. che provvede ad affidarli a strutture idonee a curarne il mantenimento. Il sequestro e l'affidamento intervengono in caso di detenzione senza autorizzazione o in condizioni diverse da quelle previste nell'atto di autorizzazione.

E’ possibile disporre l'affidamento temporaneo degli animali a strutture riconosciute idonee in conformità al parere espresso dall’Autorità Scientifica CITES in merito al possesso dei requisiti per la detenzione di animali esotici e che offrano garanzie di cure idonee e corretta custodia. Non è possibile affidare gli esemplari sottoposti a sequestro ad altri privati detentori, a loro volta, di animali esotici.  Il privato autorizzato alla detenzione di esemplari di tali specie invece, lo può trasferire ad altro privato che abbia ottenuto l’autorizzazione alla detenzione, previa comunicazione al Corpo Forestale dello Stato.
Ultimo aggiornamento: 03/04/2014
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8