Riferimenti Normo-Legislativi
Il Settore Politiche Energetiche identifica la pubblicazione di nuove prescrizioni legali nel campo dell'energia (UE, nazionali, regionali e locali) e le modifiche delle prescizioni legali vigenti. Con determinazione dirigenziale n. 2/2019 il Settore definisce il Process Owner, le fonti per l'aggiornamento legislativo, la periodicità con cui riesaminare l'applicabilità delle prescrizioni legali, i criteri di archiviazione dei testi aggiornati delle prescrizioni legali applicabili e i criteri di diffusione delle prescrizioni legali all'interno dell'Ente. Al fine di fornire un quadro condiviso per la definizione e attuazione del proprio Sistema di Gestione dell'Energia (vedi azione PIN - S04 contenuta nel c.d. "SEAP 2017"), di seguito, è possibile accedere ai testi on-line delle prescrizioni legali applicabili.
I requisiti legislativi, normativi e altri requisiti, sono stati raccolti e classificati a partire dalle otto direttive europee di riferimento per l'intero settore energetico:
  1. Politica Energetica (Energy Policy Planning - EPP);
  2. Rendimento Energetico nell'Edilizia (Energy Performance Building Directive - EPBD);
  3. Efficienza Energetica (Energy Efficiency Directive - EED);
  4. Fonti Energetiche Rinnovabili (Renewable Energy Directive - RED);
  5. Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) ( Combined heat and Power - CHPD);
  6. Progettazione Ecocompatibile (Energy-related Product Directive - ErPD);
  7. Etichettatura del Consumo di Energia (Energy Labelling Directive - ELD);
  8. Strumenti di Misura (Mearument Instrument Directive - MID).
Scarica il documento di sintesi del quadro normo-legislativo in formato pdf
Scarica la DD n. 2/2019 di definizione della gestione documentale dei requisiti normo-legisltativi
         
         
         
         
Legislativo        
Normativo        
Linee Guida        
         
         
         
         
         
Requisito  Data   Link Documento Titolo/Descrizione Nota
 Politica Energetica (Energy Policy Planning - EPP)
Legislativo 9-lug-18 Dir 2018/844/UE Modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica Energy Policy Directive (EPPD) Aggiornamento Direttiva 2012/27/UE
- Obbiettivo UE: 40% CO2 rispetto al 1990 entro 2030
- Efficientamento di edifici residenziali e non,
pubblici e privati, al fine di ridurre le emissioni dell’UE (rispetto ai livelli del 1990) dell’80-95% (NZEB) entro il 2050.
- Nuovo indicatore di predisposizione degli edifici all’intelligenza (automazioe e monitoraggio).
Legislativo 1-gen-06 Dir 2006/32/CE Efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e recante abrogazione della direttiva 93/76/CEE del Consiglio Energy Services Directive sostituita da Energy Efficiency Directive 2012/27/EU (vedi sotto)
- Gli Stati Membri devono adottare Piani d'Azione per L'efficienza Energetica (
PAEE), recepita in Italia con D.Lgs. 102/2014
- Obbiettivi UE  di EE al 2016
Legislativo 23-apr-09 Dir 2009/28/CE Promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e  2003/30/CE Pacchetto "20-20-20"
-
Piani di Azione per il periodo 2013-2020
-ha fissato gli obietti di ridurre le emissioni di gas serra del 20%, alzare al 20% la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20% il risparmio energetico entro il 2020 rispetto ai valori  del 1990
Legislativo 20-lug-04 DM 20 Luglio/2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica
- (TEE a partire dal 01/01/2005)
- Obiettivi di risparmio per il periodo 2005-2012 (eleva e abroga quelli del precedente DM 24 Aprile 2011)
Legislativo 21-dic-07 DM 21 Dicembre/2007 Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti
l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia,
il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili. 
- definiscono obiettivi nazionali di risparmio di energia primaria a carico dei grandi distributori di energia elettrica e di gas (soggetti obbligati)
- definiscono le modalità attraverso le quali i distributori possono conseguire tali obiettivi:
a) tipologie di interventi, tipologie di progetti
b) mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)
- prevedono un contributo tariffario per la copertura dei costi sostenuti dai distributori
- introducono sanzioni in caso di inadempienza
- affidavano all’
AEEGSI (oggi ARERA), ora al GSE, il compito di definire i criteri e le regole tecniche di funzionamento del nuovo impianto normativo e la gestione dell’intero meccanismo
Legislativo 1-lug-07 PAEE /2007 Il Piano d’azione italiano per l’efficienza energetica 2007 Adozione del primo PAEE 2007 con D.Lgs. 115/2008, obbiettivo EE al 2016 (-10,8Mtep) seconod quanto previsto dalla direttiva 2006/32/CE 
Legislativo 1-giu-11 PAEE /2011 Il Piano d’azione italiano per l’efficienza energetica 2011 Conferma Obiettivi EE al 2016  ((-10,8Mtep)  e estensione misure al 2020
Legislativo 27-ott-11 Delibera AEEGSI EEN 9/2011 Aggiornamento, mediante sostituzione dell’Allegato A alla deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas 18 settembre 2003, n. 103/03 e successive modifiche ed integrazioni, in materia di Linee guida per la preparazione, esecuzione e valutazione dei progetti di cui all'articolo 5, comma 1, dei decreti ministeriali 20 luglio 2004 e s.m.i. e per la definizione dei criteri e delle modalità per il rilascio dei titoli di efficienza energetica Superata dal DM 11 Gennaio 2017
Testo con modifiche e integrazioni apportate con deliberazioni 24 novembre, EEN 12/11 e 29 dicembre 2011, EEN 14/11
Legislativo 27-ott-11 Delibera AEEGSI EEN 9/2011/Allegato A LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE, ESECUZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL’ARTICOLO 5, COMMA 1, DEI DECRETI MINISTERIALI 20 LUGLIO 2004 E S.M.I. E PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA’ PER IL RILASCIO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Superata dal DM 11 Gennaio 2017
Legislativo 28-dic-12 DM Certificati Bianchi/2012 Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell'energia elettrica e il gas per gli anni dal 2013 al 2016 e per il potenziamento del meccanismo dei certificati bianchi.  Superata dal DM 11 Gennaio 2017
- Estensione soggetti ammessi al Meccanismo dei Certificati Bianchi e tipologie di progetto ammissibili (inserimento coeff. Tau)
Legislativo 1-lug-14 PAEE /2014 Il Piano d’azione italiano per l’efficienza energetica 2014  
Legislativo 11-gen-17 DM Certificati Bianchi/2017 Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell’energia elettrica e il gas per gli anni dal 2017 al 2020 e per l’approvazione delle nuove Linee Guida per la preparazione, l’esecuzione e la valutazione dei progetti di effi cienza energetica Nuove regole per i Certificati Bianchi o TEE
- Eliminazione Coeff. Tau
- Vita utile = 3, 7 o 10 anni
- Solo risparmi contestuali (aboliti i risparmi anticipati)
Legislativo 10-mag-18 DM Certificati Bianchi/2018 Modifica e aggiornamento del decreto 11 gennaio 2017, concernente la determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell'energia elettrica e il gas per gli anni dal 2017 al 2020 e per l'approvazione delle nuove Linee Guida per la preparazione, l'esecuzione e la valutazione dei progetti di efficienza energetica - Contributo tariffario a 250 €/TEE ai soggetti obbligati
- Nuova definizione di baseline "è pari al valore del consumo antecedente alla realizzazione del progetto di efficienza energetica".
-
Nuovi interventi e approvazione schede PS: le nuove schede per i Progetti Standardizzati (PS) sono otto e incentivano interventi che vanno dall'installazione di lampade a LED, alla riqualificazione energetica del sistema propulsivo delle navi mercantili e/o passeggeri, all'acquisto di veicoli ibridi e di veicoli elettrici alimentati da energia rinnovabile.
- Emissione Certificati da parte del GSE: Il Gestore dei servizi energetici potrà emettere, a favore e su specifica richiesta dei soggetti obbligati, Certificati Bianchi
Legislativo 15-giu-17 Delibera AEEGSI 435/2017/R/EFR Definizione del contributo tariffario a copertura dei costi sostenuti dai distributori di energia elettrica e gas naturale soggetti agli obblighi nell’ambito del meccanismo dei titoli di efficienza energetica Non ha fissato alcum massimo ed ha lasciato il contributo tariffario legato alle quotazioni medie di mercato
Legislativo 1-giu-17 PAEE /2017 Il Piano d’azione italiano per l’efficienza energetica 2017  
Legislativo 10-nov-17 DM 10 Novembre/2017/SEN Decreto di adozione della Strategia energetica nazionale  
Legislativo 11-nov-17 SEN /2017 Strategia Energetica Nazionale SEN 2017 Obiettivi Nazionali al 2030:
•Diminuzione di CO2 rispetto al 1990 del 39% al 2030 e del 63% al 2050
•Efficienza energetica: riduzione dei consumi finali da a 108 Mtep al 2030
•Fonti rinnovabili: 28% di rinnovabili sui consumi complessivi al 2030. In termini settoriali, l’obiettivo si articola in una quota di rinnovabili sul consumo: elettrico del 55%;  termico del 30%; trasporti del 21%
•Riduzione del differenziale di prezzo dell’energia: contenere il gap di costo tra il gas italiano e quello del nord Europa (nel 2016 pari a circa 2 €/MWh) e quello sui prezzi dell'elettricità rispetto alla media UE (pari a circa 35 €/MWh nel 2015 per la famiglia media e al 25% in media per le imprese).
•Cessazione della produzione di energia elettrica da carbone con un obiettivo di accelerazione al 2025.
•Razionalizzazione del downstream petrolifero, con evoluzione verso le bioraffinerie e un uso crescente di biocarburanti sostenibili e del GNL nei trasporti pesanti e marittimi al posto dei  derivati dal petrolio.
•Promozione della mobilità sostenibile e dei servizi di mobilità condivisa
•Riduzione della dipendenza energetica dall’estero dal 76% del 2015 al 64% del 2030
Legislativo 29-mag-07 L.R. n. 22/2007/LIGURIA Norme in materia di energia Testo non ufficiale integrato con le modifiche apportate dalle leggi regionali 6 giugno 2008 n.14 “Disposizioni di adeguamento della normativa regionale”, 6 giugno 2008 n.16 “Disciplina dell'attività edilizia”, 28 novembre 2008 n. 42 “Norme urgenti in materia di personale, certificazione energetica Comunità montane e [...]” e 11 maggio 2009 n. 16 “Disposizioni urgenti di adeguamento della normativa regionale”
Legislativo 14-nov-17 DCR n. 19/2017/PEAR LIGURIA Piano energetico ambientale PEAR 2014-2020  
Legislativo 7-nov-17 DCC n. 75/2017/REC 2017 Comune di Genova nuovo Regolamento Edilizio del Comune di Genova (REC) Elemento di novità rispetto al passato è l'inserimento dei "Requisiti volontari incentivanti"(art.56).
Tali incentivi, che si concretizzano in una riduzione del contributo di costruzione vengono attivati con l'applicazione di misure di riqualificazione finalizzate all'innalzamento  della sostenibilità energetico ambientale degli edifici. Tali misure vanno oltre i parametri minimi obbligatori previsti dalla normativa di settore.
Legislativo 27-nov-15  DD  /2015/n° 118.0.0.-18 Piano Urbanistico Comunale (PUC) Il Piano Urbanistico Comunale, il cui procedimento si è concluso con DD n° 2015/118.0.0./18 entra in vigore il 3/12/2015, (vedi "Rende Noto PUC" e "Rende Noto VAS")
Legislativo 2-ago-18 DGC n. 172/2018/SEAP 2017 - Comune di Genova APPROVAZIONE DEL TERZO REPORT DI MONITORAGGIO DEL PIANO DI AZIONI PER L’ENERGIA SOSTENIBILE AGGIORNATO AL 2017, (“SEAP – REPORT DI MONITORAGGIO 2017”) ObIettivi COMUNALI al 2020:
• ridurre le emissioni di CO2 (e possibilmente di altri gas serra) sul proprio territorio del 23% entro il 2030,
Sostituisce il precedente SEAP 2010 e si pone quale nuovo punto di riferimento per le politiche energeti- che del Comune di Genova, aggiornate attraverso il coinvolgimento di tutti gli enti interni (Direzioni, Assessorati) ed esterni (Società partecipate o comunque strettamente legate al territorio genovese) in quanto soggetti attivi del SEAP
Legislativo 5-dic-18 DCC /2018/SECAP APPROVAZIONE DELLA PROPOSTA DI ADESIONE AL NUOVO PATTO DEI SINDACI PER IL CLIMA E L’ENERGIA E CONSEGUENTEMENTE ALLA TRANSIZIONE DAL PIANO DI AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) AL PIANO D’AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE E IL CLIMA (SECAP). ObIettivi COMUNALI al 2030:
• ridurre le emissioni di CO2 (e possibilmente di altri gas serra) sul proprio territorio di almeno il 40% entro il 2030, in particolare mediante una migliore efficienza energetica e un maggiore impiego di fonti di energia rinnovabili;
• accrescere la propria resilienza, adattandosi agli effetti del cambiamento climatico.
 Rendimento Energetico nell'Edilizia (Energy Performance Building - EPBD)
Legislativo 9-mag-10 Dir 2010/31/UE Rendimento energetico nell'edilizia, che abroga la direttiva 2002/91/CE Energy Performance Building Directive (EPBD) (modificata con Dir 844/2018)
Legislativo 19-ago-05 D.Lgs. 192/2005 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia  
Legislativo 26-giu-15 DM Requisiti Minimi/2015/(MiSE) Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici Decreto requsiti minimi
Legislativo 26-giu-15 DM Schemi Relaz.Tecnica/2015/(MiSE) Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell’applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici Decreto Schemi Relazione Tecnica
Legislativo 26-giu-15 DM APE/2015/(MiSE) Adeguamento del decreto  MiSE 26 giugno 2009 - linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Decreto APE
Legislativo 26-ago-93 DPR 412/1993 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizioe la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art.4, comma 4, della legge 9 gennaio 1991, n.10 Impianti Termici
- Prima definizione Contratto Servizio Energia
Legislativo 16-apr-13 DPR 74/2013 Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale
ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192.
Impianti Termici
- 
Legislativo 10-feb-14 DM 10 Febbraio/2014 Modelli di libretti di impianto e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 Libretto d'Impianto termico
Legislativo 22-gen-08 DM 37/2008 Disposizioni in materia di installazione degli impianti all’interno degli edifici  
Legislativo 21-ott-15 Chiarimenti MiSE  21 Ottobre/2015 Chiarimenti in materia di efficienza energetica in edlizia
- Decreto 26 giugno 2015 cosiddetto “Decreto requisiti minimi”
- Decreto 26 giugno 2015 cosiddetto “Decreto Linee guida APE”
 
Legislativo 28-dic-15 L. 221/2015 Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali Noto come Collegato Ambientale alla legge di Stabilità 2016:
- Art 10. Modifiche al decreto legislativo 13 marzo 2013, n. 30 (ETS -Energy Trading System) introducendo la compensazione finanziaria dei costi CO2 indiretti
- Art 17. Disposizioni per promuovere l’adozione dei sistemi EMAS ed Ecolabel UE, ISO 14001 e ISO 50001.
- Art 18. Applicazione di criteri ambientali minimi negli appalti pubblici per le forniture e negli affidamenti di servizi (
abrogato dall'art. 217 del d.lgs. n. 50 del 2016, il "Codice dei Contratti Pubblici")
- Art 20. Consumo energetico delle lanterne semaforiche: in caso si sostituzione delle lampade esse devono essere a basso consumo energetico, ivi compresa la tecnologia a LED
- Art 56. Bonifica da amianto
Legislativo 16-set-16 DM 16 Settembre/2016 Modalita' di attuazione del programma di interventi per il miglioramento della prestazione energetica degli immobili della pubblica amministrazione centrale Immobili della pubblica amministrazione centrale (modalità di finanziamento)
Legislativo 7-mar-12 Allegato DM CAM (Ill., Risc./Raffr. Edifici)/2012 Affidamento servizi energetici per gli edifici, servizio di illuminazione e forza motrice, servizio di riscaldamento/raffrescamento (approvato con DM 7 marzo 2012, in G.U. n.74 del 28 marzo 2012) CAM per ILLUMINAZIONE, RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO PER EDIFICI
È in corso di programmazione nel 2018 un aggiornamento dei CAM per i servizi energetici per gli edifici
Legislativo 11-gen-17 Allegato DM CAM (arredi/edilizia)/2017 Affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici (approvato con DM 11 ottobre 2017, in G.U. Serie Generale n. 259 del 6 novembre 2017) CAM per l'dilizia (Allegato 2 al DM)
Legislativo 15-nov-18 Chiarimenti MATTM CAM(edlizia)/2018 Chiarimenti sui Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici, adottati con DM 11 ottobre 2017 e pubblicati sulla G.U n. 259 del 6 novembre 2017 Criterio 2.3.1 Diagnosi energetica e professionista accreditato
Normativo 8-mar-18 UNI EN 15459-1:2018 Prestazione energetica degli edifici - Sistemi di riscaldamento e sistemi di raffrescamento idronici negli edifici - Parte 1: Procedura di valutazione economica per i sistemi energetici negli edifici, Modulo M1-14 Metodo di calcolo per le questioni economiche dei sistemi di riscaldamento e di altri sistemi che sono coinvolti nella domanda e nel consumo di energia dell'edificio. Si applica a tutti i tipi di edifici nuovi ed esistenti. I principi e la terminologia fondamentali sono spiegati nella norma. I principali elementi della norma:
- le definizioni e la struttura dei tipi di costi che dovrebbero essere presi in considerazione per il calcolo dell'efficienza economica delle opzioni di risparmio negli edifici;
- dati necessari per la definizione dei costi relativi ai sistemi in esame;
- il / i metodo / i di calcolo;
- espressione del risultato dello studio economico
Normativo 2-ott-14 UNI /TS  11300-1:2014 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale  
Normativo 2-ott-14 UNI /TS  11300-2:2014 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l'illuminazione in edifici non residenziali  
Normativo 25-mar-10 UNI /TS  11300-3:2010 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva  
Normativo 31-mar-16 UNI /TS  11300-4:2016 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria  
Normativo 31-mar-16 UNI /TS  11300-5:2016 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 5: Calcolo dell’energia primaria e della quota di energia da fonti rinnovabili  
Normativo 31-mar-16 UNI /TS  11300-6:2016 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili  
Normativo 31-mar-16 UNI  10349-1:2016 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - Parte 1: Medie mensili per la valutazione della prestazione termo-energetica dell'edificio e metodi per ripartire l'irradianza solare nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l'irradianza solare su di una superficie inclinata  
Normativo 31-mar-16 UNI /TR 10349-2:2016 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - Parte 2: Dati di progetto  
Normativo 31-mar-16 UNI  10349-3:2016 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - Parte 3: Differenze di temperatura cumulate (gradi giorno) ed altri indici sintetici  
Normativo 19-gen-17 UNI EN 13163:2017 Isolanti termici per edilizia - Prodotti di polistirene espanso (EPS) ottenuti in fabbrica - Specificazione Materiali isolanti
Normativo 1-mar-18 UNI EN ISO 6946:2018 Componenti ed elementi per edilizia - Resistenza termica e trasmittanza termica - Metodi di calcolo Metodo di calcolo U-Value involocro opaco
Normativo 25-giu-15 UNI  10351:2015 Materiali e prodotti per edilizia - Proprietà termoigrometriche - Procedura per la scelta dei valori di progetto Degradamento di Lambda
Normativo 22-mag-08 UNI EN ISO 10456:2008 Materiali e prodotti per edilizia - Proprietà igrometriche - Valori tabulati di progetto e procedimenti per la determinazione dei valori termici dichiarati e di progetto Degradamento di Lambda
Normativo 1-mar-18 UNI EN ISO 13786:2018 Prestazione termica dei componenti per edilizia - Caratteristiche termiche dinamiche - Metodi di calcolo Trasmittanza termica periodica
Normativo 19-ott-17 UNI EN 15232-1:2017 Prestazione energetica degli edifici - Parte 1: Impatto dell'automazione, del controllo e della gestione tecnica degli edifici - Moduli M10-4,5,6,7,8,9,10 Building Automation and Control System (BACS)
Normativo 3-mag-18 UNI CEN/TR 15232-2:2018 Prestazione energetica degli edifici - Parte 2: Rapporto tecnico che accompagna il prEN 15232-1:2015 - Moduli M10-4,5,6,7,8,9,10 Building Automation and Control System (BACS)
Normativo 1-giu-89 UNI  8065:1989 Trattamento dell' acqua negli impianti termici ad uso civile  
Normativo 24-mag-07 UNI  8364-1:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 1: Esercizio Impianti termici ad acqua calda alimentati con combustibile solido, liquido e gassoso, aventi potenza termica del focolare maggiore di 35 kW e destinati ad usi civili
Normativo 24-mag-07 UNI  8364-2:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 2: Conduzione Impianti termici ad acqua calda alimentati con combustibile solido, liquido e gassoso, aventi potenza termica del focolare maggiore di 35 kW e destinati ad usi civili
Normativo 24-mag-07 UNI  8364-3:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 3: Controllo e manutenzione Impianti termici ad acqua calda alimentati con combustibile solido, liquido e gassoso, aventi potenza termica del focolare maggiore di 35 kW e destinati ad usi civili
Normativo 24-set-09 UNI  10389-1:2009 Generatori di calore - Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione - Parte 1: Generatori di calore a combustibile liquido e/o gassoso  
 Efficienza Energetica (Energy Efficiency - EE)
Legislativo 25-ott-12 Dir 2012/27/UE Sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE  Energy Efficiency Directive (EED) (modificata con Dir 844/2018)
- Recepita con DLgs 102/2014
- Obiettivo di riduzone consumi del 20% entro il 2020. Ciacuno Stato menbro stabilisca un prorpio obbiettivo dal 2014 al 2020.
- l'art 7. chiede agli Stati Menbri l'introduzione di regimi obbligatori per l'efficienza Energetica (rappresentato dal meccanismo dei TEE che è attivo in Italia dal 2005 e puo essere considerato un'eccellenza europea)
Legislativo 9-gen-91 L. 10/1991 Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia -art 19 introduce l' E.M.
Testo Coordinata con:
DPR 6 giugno 2001, n. 380
Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (Testo A)
D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192 e s.m.i.
Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia
LEGGE 27 dicembre 2006, n. 296
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)
LEGGE 23 luglio 2009, n. 99
Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonchè in materia di energia
LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220
Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici
Legislativo 30-mag-08 D.Lgs. 115/2008 Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE. - QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI DI SERVIZI ENERGETICI
- Nuova def. Contratto Servizio Energia
- Def. Contratto Servizio Energia Plus (SIE-Consip)
- Def. E.G.E: soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire l'uso dell'energia in modo efficiente
- Adozione
PAEE 2007, obbiettivo EE al 2016 (-10,8Mtep)
- Redazione Ulteriori
PAEE nel 2011 e nel 2014
Legislativo 4-lug-14 D.Lgs. 102/2014 Attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE. - Decreto Efficienza
- Allegato 2: Requisiti minimi di conformità delle DE.
- Art 8, c.1: Diagnosi energetica obbligatoria-grandi impresa.dal 19 luglio 2016 DE oggligatrotiamente eseguite da A.E./EGE.
- Art 8, c.3: Diagnosi energetica obbligatoria-impresa energivore, Risultati comunicati obbligatoriamente all'ENEA e all'ISPRA.
- Art.12: Schema di Certificazione e accreditamento EGE conforme alla UNI
- Definizione Contratto di Rendimento Energetico (
EPC)
- Obietivo Nazionale Indicativo al 2020 di risparmio pari a 20 Mtep di energia primaria o 15,5 Mtep sui consumi finali
Legislativo 18-lug-16 D.Lgs. 141/2016 Disposizioni integrative al decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, di attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE. Modifica e integra il D.lgs. n.102/2014. La principale correzione riguarda il metodo di ripartizione delle spese per il riscaldamento nei condomini e inserisce la possibilità di incrementare, con ulteriori risorse, derivanti dai proventi delle aste delle quote di emissioni di CO2, la dotazione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.
Legislativo 28-dic-12 DM Conto termico /2012 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni.  
Legislativo 16-feb-16 DM Conto termico 2.0/2016 Aggiornamento Conto termico Allegato 1
Legislativo 6-mag-03 Racc 361/2003/CE Raccomandazione della Commissione, del 6 maggio 2003, relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese Criteri di individuazione piccole e medie imprese
Legislativo 18-apr-05 DM 18 Aprile/2005 Adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione di piccole e medie imprese. Racc 2003/361/CE. Criteri di individuazione piccole e medie imprese. La definizione di Grande Impresa si desume a partire dall definizione di PMI. Def  Impresa Autonoma , Associata, Collegata.
Legislativo 5-apr-13 DM 5 Aprile/2013 Definizione delle imprese a forte consumo di energia.  - Decreto Energivori
- Prescrive l'iscrizione all'elenco annuale del CSEA (n) o alla Cassa Conguaglio per il settore elettrico (n-1)
Linee Guida   LG ENEA Docuemntazione necessaria DE/ Elementi su come elaborare la documentazione necessaria al
rispetto degli obblighi previsti nell’art. 8 del decreto legislativo
102/2014 in tema di diagnosi energetica
Requisiti minimi di conformità delle DE
Linee Guida 1-mag-14 LG ENEA Monitoraggio DE industriale/2014 Linee Guida per il Monitoraggionel settore industriale per le diagnosi energetiche ex art. 8 del d.lgs. 102/2014 Per la prima diagnosi, definire il piano di monitoraggio permanente
Linee Guida 13-giu-17 LG ABILab Monitoraggio DE Bancario/2017 Linee Guida per l’introduzione di metodologie di misura nell’ambito delle diagnosi energetiche del settore bancario  
Legislativo 18-dic-14 Circolare MiSE 18 Dicembre/2014 Nomina del responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia di cui all'art. 19 della legge 9 gennaio 1991 n. 10 e all’articolo 7 comma 1, lettera e) del decreto ministeriale 28 dicembre 2012 Fattori di conversione dei consumi in TEP
Legislativo 1-mag-15 Chiarimenti MiSE 01 Maggio/2015 Chiarimenti in materia di diagnosi energetica nelle imprese, ai sensi dell'art.8 del D.lgs. 102/2014 Requisiti minimi di conformità delle DE
Legislativo 14-ott-15 FAQ MiSE 14 Ottobre/2015 FAQ: Diagnosi Energetica nelle imprese, ai sensi dell'art.8 del D.lgs. 102/2014  
Legislativo 14-nov-16 Chiarimenti MiSE 14 Novembre/2016 Chiarimenti in materia di diagnosi energetica nelle imprese, ai sensi dell'art.8 del D.lgs. 102/2014 - Definizione Grandi Imprese;
- Art 4.1: Obbligo di DE entro ed a partire dal 5 dicembre del 2015 e ogni 4 anni
Legislativo 27-set-17 DM CAM (Ill.Pubblica)/2017/(fornitura e progettazione) Criteri Ambientali Minimi per Acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l’acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l’affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica (approvato con DM 27 settembre 2017, in G.U. n 244 del 18 ottobre 2017) CAM per illuminazione pubblica (fornitura e progettazione)
Legislativo 27-set-17 Chiarimenti MATTM CAM (Ill.Pubblica)/2017/(fornitura e progettazione) Acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l’acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l’affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica (approvato con DM 27 settembre 2017, in G.U. n 244 del 18 ottobre 2017)  Chiarimenti del MATTM ai CAM per illuminazione pubblica (fornitura e progettazione)
AGGIORNAMENTO dei CAM adottati con DM 23 dicembre 2013
(in G.U. n.18 del 23 gennaio 2014)
Legislativo 28-mar-18 DM CAM (Ill.Pubblica)/2018/(servizio) Criteri Ambientali Minimi per l'affidamento del servzio di illuminazione pubblica  
Legislativo 28-mar-18 Allegato DM CAM (Ill.Pubblica)/2018/(servizio) Criteri Ambientali Minimi per SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE
PUBBLICA
CAM per illuminazione pubblica (Servizio)
Normativo 10-nov-11 UNI EN 11431:2011 Luce e illuminazione - Applicazione in ambito stradale dei dispositivi regolatori di flusso luminoso Errata corrige : EC 1-2012 UNI 11431:2011
Normativo 31-mar-99 UNI EN 10819:1999 Luce e illuminazione - Impianti di illuminazione esterna - Requisiti per la limitazione della dispersione verso l'alto del flusso luminoso  
Normativo 17-nov-16 UNI EN 11248:2016 Illuminazione stradale - Selezione delle categorie illuminotecniche Errata corrige : EC 1-2017 UNI 11248:2016
Normativo 25-feb-16 UNI EN 13201-2:2016 Illuminazione stradale - Parte 2: Requisiti prestazionali  
Normativo 25-feb-16 UNI EN 13201-3:2016 Illuminazione stradale - Parte 3: Calcolo delle prestazioni Errata corrige : EC 1-2018 UNI EN 13201-3:2016
Normativo 25-feb-16 UNI EN 13201-4:2016 Illuminazione stradale - Parte 4: Metodi di misurazione delle prestazioni fotometriche  
Normativo 25-feb-16 UNI EN 13201-5:2016 Illuminazione stradale - Parte 5: Indicatori delle prestazioni energetiche  
Normativo 10-dic-09 UNI CEI 11339:2009 Gestione dell'energia - Esperti in gestione dell'energia - Requisiti generali per la qualificazione Norma di riferimento per ruolo obbiettivo, competenze EGE ESPERTO IN GESTIONE DELL’ENERGIA (9 comptenze specifiche)
Normativo 17-apr-14 UNI CEI 11352:2014 Gestione dell'energia - Società che forniscono servizi energetici (ESCO) - Requisiti generali, liste di controllo per la verifica dei requisiti dell'organizzazione e dei contenuti dell'offerta di servizio - ESCo eroga servizi in acccordo alle UNI CEI EN 15900:2010
- Allegato A: Requisiti ESCo;
- Allegato B: Contenuto minimo EPC
Normativo 7-ott-10 UNI CEI EN 15900:2010 Servizi di efficienza energetica - Definizioni e requisiti Vedi anche errata corrige del 13/01/2011 EC 1-2011 UNI CEI EN 15900:2010
Normativo 6-set-12 UNI CEI EN 16247-1:2012 Diagnosi energetiche - Parte 1: Requisiti generali Continene i Principi Etici dell'Auditor Energetico.
Normativo 1-ago-14 UNI CEI EN 16247-2:2014 Diagnosi energetiche - Parte 2: Edifici  
Normativo 1-ago-14 UNI CEI EN 16247-3:2014 Diagnosi energetiche - Parte 3: Processi  
Normativo 1-ago-14 UNI CEI EN 16247-4:2014 Diagnosi energetiche - Parte 4:Trasporto  
Normativo 6-lug-15 UNI CEI EN 16247-5:2015 Diagnosi energetiche - Parte 5: Competenze dell'auditor energetico Figura dell'Auditor Energetico e competenze:  (Personali/principi etici; Consoscienze Generali; Conoscienze Specifiche )
Normativo 27-set-18 UNI ISO 50001:2018 Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti e linee guida per l'uso  
Normativo 18-giu-15 UNI ISO 50003:2015 Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti per organismi che forniscono audit e certificazione dei sistemi di gestione dell'energia  
Normativo 18-giu-15 UNI ISO 50004:2015 Sistemi di gestione dell'energia - Linee guida per l'implementazione, il mantenimento e il miglioramento di un sistema di gestione dell'energia  
Normativo 18-giu-15 UNI ISO 50006:2015 Sistemi di gestione dell'energia - Misurazione della prestazione energetica utilizzando il consumo di riferimento (Baseline - EnB) e gli indicatori di prestazione energetica (EnPI) - Principi generali e linee guida M&V: EnB/EnPI
Normativo 18-giu-15 UNI ISO 50015:2015 Sistemi di gestione dell'energia - Misura e verifica della prestazione energetica delle organizzazioni - Principi generali e linee guida M&V
Normativo 4-ott-12 UNI CEI 16231:2012 Metodologia di benchmarking dell'efficienza energetica  
Normativo 21-lug-11 UNI EN 12464-1:2011 Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: Posti di lavoro in interni Illuminazione nei posti di lavoro
Normativo 13-mar-14 UNI EN 12464-2:2014 Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 2: Posti di lavoro in esterno Illuminazione nei posti di lavoro in esterno
Normativo 2-ago-18 UNI EN 12665:2018 Luce e illuminazione - Termini fondamentali e criteri per i requisiti illuminotecnici Gradini di illuminazione
Normativo 24-mag-07 UNI EN 10840:2007 Luce e illuminazione - Locali scolastici - Criteri generali per l'illuminazione artificiale e naturale  
Normativo 19-set-13 UNI EN 1838:2013 Applicazione dell'illuminotecnica - Illuminazione di emergenza Errata corrige : EC 1-2015 UNI EN 1838:2013
Normativo 17-mag-12 UNI EN 10302-1:2012 Luce e illuminazione - Misurazione e presentazione dei dati fotometrici di lampade e apparecchi di illuminazione - Parte 1: Misurazione e formato di file  
Normativo 21-dic-17 UNI EN 10302-2:2017 Luce e illuminazione - Misurazione e presentazione dei dati fotometrici di lampade e apparecchi di illuminazione - Parte 2: Presentazione dei dati per posti di lavoro in interno e in esterno  
Normativo 17-mag-08 UNI EN 10302-3:2008 Luce e illuminazione - Misurazione e presentazione dei dati fotometrici di lampade e apparecchi di illuminazione - Parte 3: Presentazione dei dati per l'illuminazione di emergenza dei luoghi di lavoro  
Normativo 15-set-16 UNI CEI 70098-3:2016 Incertezza di misura - Parte 3: Guida all'espressione dell'incertezza di misura EC 1-2018 UNI CEI 70098-3:2016 (errata corrige 03 maggio 2018)
Normativo 27-ago-08 UNI CEI 70099:2008 Vocabolario Internazionale di Metrologia - Concetti fondamentali e generali e termini correlati (VIM) M&V: VIM
Normativo 27-ott-16 ISO 50047/2016 Energy savings -- Determination of energy savings in organizations M&V
Normativo 6-lug-14 EVO IPMVP/2014 International Performance Measurement and Verification Protocol (IPMVP) M&V
Normativo 8-lug-16 U.S.DoE M&V Guidelines 4.0 for EPC/2016 M&V Guidelines: Measurement and Verification for Performance-Based Contracts Version 4.0 M&V
Normativo 27-giu-02 ASHRAE Guideline 14/2002 Measurement of Energy and Demand Savings M&V
Normativo 11-lug-14 LG European Code  of Conduct for EPC/2014 European Code of Conduct for Energy Performance Contracting The European Code of Conduct for EPC has been developed within the project Transparense. The European associations EFIEES and eu.ESCO become official European co-administrators of the Code as of 1st September 2015. Apply here to become a signatory.
Normativo 9-lug-14 ENEA GUIDA OPERATIVA 3.1/2014 OTTENERE I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA velocemente, sicuramente alla luce del Decreto 28 Dicembre 2012 M&V
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1321/1942 Nozione di Contratto
Il contratto è l'accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale.
L’EPC non rientra, ad oggi, tra le tipologie contrattuali disciplinate dal Codice Civile e dal Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50)
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1322/1942 Autonomia Contrattuale
Le Parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto nei limiti imposti dalla legge. Le Parti possono anche concludere contratti che non appartengano ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l'ordinamento giuridico.
Ma, in virtù dell’articolo 1322 C.C., Beneficiario e Fornitore (le Parti) possono sottoscrivere un EPC determinando contenuti, obblighi e responsabilità contrattuali che ritengono più idonei a tutelare i rispettivi interessi, nel rispetto delle norme generali di cui all’articolo 1323 C.C..
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1323/1942 Norme Regolatrici dei contratti
Tutti i contratti ancorché non appartengano ai tipi che hanno una disciplina particolare, sono sottoposti alle norme generali
contenute in questo titolo (titolo II – dei contratti in generale)
Contratti in genere
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1325/1942 Requisiti del contratto
I requisiti del contratto sono:
1) l'accordo delle parti;
2) la causa;
3) l'oggetto;
4) la forma, quando risulta che è prescritta dalla legge sotto pena di nullità
In un EPC:
- Le parti: Fornitore e Beneficiario;
- Oggetto: Misura di Miglioramento dell'Efficienza Energetica (Progettazioe,Forniture, Lavori, Serviz);
- Causa: Risparmio Energetico/Miglioramento dell'efficienza Energetica;
- La forma: Scritta.
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1218/1942 Responsabilità del debitore
Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile
- Si ritiene comunemente che, configurando L'EPC una obliggazione di risultato ( conseguimento del ripsrmio garantito dedotto in contratto), il suo mancato raggiungimento possa cpstituire ipotesi di inadempimento;
- Nel caso non sia conguito il risparmio energetico garantito, il Fornitore viene remunerato in misura minore o non lo è affatto e quindi il mancato o ridotto risparmio energetico grava unicamente su di esso che si assume quindi il rischio finanziario.
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.1523/1942 Vendità con riserva di proprietà
Nella vendita a rate con riserva della proprietà, il compratore acquista la proprietà della cosa col pagamento dell'ultima rata di prezzo, ma assume i rischi dal momento della consegna
Il contratto deve stabilire la proprietà di quanto installato dal fornitore e disciplinare l’eventuale passaggio di proprietà al termine del contratto, soprattutto nel caso in cui gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica sono realizzati con investimento da parte del fornitore e il contratto si basi sul modello B.O.O.T. (Built-Own-Operated-Transfered).
Nel caso di finanziamento dell’investimento da parte di ESCO e contratto pluriennale con pagamento di un canone annuale da parte del beneficiario, si potrebbe configurare una vendita con patto di riservato dominio (o vendita con riserva della proprietà) come regolata dall’articolo 1523 del C.C..
La vendita con riserva della proprietà è un contratto con il quale l’acquisizione del diritto di proprietà è subordinata a una condizione sospensiva, ovvero il pagamento dell’intero prezzo pattuito dalle parti in causa.
Questa condizione si verifica nel caso di «pagamento a rate» e comunque nel caso in cui il beneficiario può godere dell’impianto prima dell'esborso totale pattuito con il fornitore. Il beneficiario assume i rischi relativi all'eventuale danneggiamento o perimento dell'oggetto ma la proprietà effettiva, l'effetto cosiddetto traslativo della vendita, non gli viene garantita fino all'ultimazione del pagamento al fornitore. Questi, in caso di mancato o ritardato esborso totale pattuito, ha diritto a riprendersi l'oggetto in questione tramite risoluzione del contratto qualunque sia la cifra già pagata dal beneficiario.
Legislativo 16-mar-42 C.C. Art.2051/1942 Dovere di custodia della proprietà
Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia (1), salvo che provi il caso fortuito
Il contratto dovrebbe disciplinare il dovere di custodia come regolato dall’articolo 2051 del C.C.
L'art. 2051 C.C. rubricato «danno cagionato da cosa in custodia» si riferisce ad un effettivo potere fisico che implica il governo e l'uso della cosa ed a cui sono riconducibili l'esigenza e l'onere della vigilanza affinché dalla cosa stessa, per sua natura o per particolari contingenze, non derivi danno ad altri. In questo senso la custodia è il potere di effettiva disponibilità e controllo della cosa, indipendentemente dal titolo che si possa vantare sulla cosa stessa. "Custode" è, quindi, chi si trovi nelle condizioni di controllare i rischi inerenti alla cosa, per effetto della disponibilità materiale di essa.
 Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) (Renewable Energy - RE)
Legislativo 23-apr-09 Dir 2009/28/CE Sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Renewable Energy Directive (RED)
20% rinnovabili e 10% trasporti entro  2020
Legislativo 3-mar-11 D.Lgs. 28/2011 Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Decreto Rinnovabili
-
Adozione Piano d'Azione Nazionale (PAN). Misure EE e obbiettivo quota consumo finale di energai da fonti rinnovabili nel 2020 pari al 17%
Legislativo 6-lug-12 DM /2012/(MiSE) Incentivi per energia da fonti rinnovabili elettriche non fotovoltaiche  
 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) (Combined Heat and Power - CHP)
Legislativo 23-apr-04 Dir 2004/8/CE Promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno
dell'energia e che modifica la direttiva 92/42/CEE
Cogenerazione Alto Rendimento (CAR)
Legislativo 26-ott-95 D.Lgs. 504/1995 Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative. Accise
Legislativo 8-feb-07 D.Lgs. 20/2007 Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia, nonché modifica alla direttiva 92/42/CEE Decreto Cogenerazione
PES AllegatoIII 
Legislativo 4-ago-11 DM 04 Agosto/2011/(MiSE) Promozione della cogenerazione, integra precedenti disposizioni in materia di cogenerazione  
Legislativo 5-set-11 DM 05 Settembre/2011/(MiSE) Regime di sostegno per la cogenerazione ad alto rendimento  
Legislativo 4-ago-16 DM 04 Agosto/2016/(MiSE) Defi nizione delle condizioni e modalità per il  riconoscimento di una maggiore valorizzazione dell’energia di cogenerazione ad alto rendimento ottenuta a seguito della riconversione di esistenti impianti a bioliquidi sostenibili che alimentano siti industriali o artigianali.   
Legislativo 1-gen-13 Delibera AEEGSI 180/2013/R/EEL Regolazione tariffaria per prelievi di energia reattiva nei punti di prelievo connessi in media e bassa tensione, a decorrere dall’anno 2016 Penali per Energia Reattiva
Legislativo 1-gen-15 Delibera AEEGSI 654/2015/R/EEL Rgolazione tariffaria dei servizi di trasmissione, distribuzione e misura dell’energia elettrica, per il periodo di regolazione 2016-2023 Penali per Energia Reattiva
 Progettazione Eco-compatibile (Energy-related Product - ErP)
Legislativo 21-ott-09 Dir 2009/125/CE Relativa all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energia Energy-related Product Directive (ErP) modificata dalla direttica 2012/27/UE (vedi EED)
Legislativo 16-feb-11 D.Lgs. 15/2011 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione
ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia
Progettazione Ecocompatibile
Legislativo 22-lug-09 Reg. 640/2009/CE Recante modalità di applicazione della direttiva 2005/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in merito alle specifiche per la progettazione ecocompatibile dei motori elettrici Regolamento Motori Elettrici
Pompe gemellari
Legislativo 22-lug-09 Reg. 641/2009/CE Specifiche per la progettazione ecocompatibile dei circolatori senza premistoppa indipendenti e dei circolatori senza premistoppa integrati in prodotti Regolamento Motori Elettrici
Legislativo 18-mar-09 Reg. 244/2009/CE Recante modalità di applicazione della direttiva 2005/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in merito alle specifiche per la progettazione ecocompatibile delle lampade non direzionali per uso domestico Regolamento lampade non direzionali uso domestico
Legislativo 12-dic-12 Reg. 1194/2012/UE Recante modalità di applicazione della direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in merito alle specifiche per la progettazione ecocompatibile delle lampade direzionali, delle lampade con diodi a emissione luminosa e delle pertinenti apparecchiature  Regolamento per lampade direzionali, LED e relative apparecchiature
Legislativo 2-ago-13 Reg. 813/2013/UE Specifiche per la progettazione ecocompatibile degli apparecchi per il riscaldamento d’ambiente e degli apparecchi di riscaldamento misti Space Heating
Legislativo 2-ago-13 Reg. 814/2013/UE Specifiche per la progettazione ecocompatibile degli scaldacqua e dei serbatoi per l’acqua calda ACS
 Etichettatura del Consumo di Energia  (Energy Labelling - EL)
Legislativo 19-mag-10 Dir 2010/30/CE Concernente l’indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all’energia, mediante l’etichettatura ed informazioni uniformi relative ai prodotti Energy Labelling Directive (ELD)
Recepita con DLgs 104/2012
Legislativo 28-giu-12 D.Lgs. 104/2012 Attuazione della direttiva 2010/30/UE, relativa all’indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all’energia, mediante l’etichettatura ed informazioni uniformi relativa ai prodotti.  
Legislativo 18-feb-13 Reg. 811/2013/UE Etichettatura indicante il consumo d’energia degli apparecchi per il riscaldamento d’ambiente, degli apparecchi di riscaldamento misti, degli insiemi di apparecchi per il riscaldamento d’ambiente, dispositivi di controllo della temperatura e dispositivi solari e degli insiemi di apparecchi di riscaldamento misti, dispositivi di controllo della temperatura e dispositivi solari  
Legislativo 18-feb-13 Reg. 812/2013/UE Etichettatura energetica degli scaldacqua, dei serbatoi per l'acqua calda e degli insiemi di scaldacqua e dispositivi solari
 
 
 Strumenti di Misura  (Measuring Instruments  - MI)
Legislativo 19-mag-04 Dir 2004/22/CE Relativa agli strumenti di misura  Measuring Instruments Directive (MID)
Recepita con DLgs 22/2007
Legislativo 2-feb-07 D.Lgs. 22/2007 Attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti di misura. -art 1: Contatori: (MI-001 Acqua; MI-002 GAS, MI-003 EE; MI-004 Calore; ecc.);
- art 5: marcatura metrologica supplementare dopo CE:  M(aa), dove aaaa= 2018 anno di apposizzione dela marcatura; es. M18
Legislativo 19-mag-16 D.Lgs. 84/2016 Attuazione della direttiva 2014/32/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di strumenti di misura  (rifusione), che ne dispone l'abrogazione, come modificata dalla direttiva (UE) 2015/13 ha disposto (con l'art. 1, comma 1, lettera b)) la modifica dell'art. 1, comma 1; (con l'art. 1, comma 1, lettera c)) la modifica dell'art. 1, comma 2; (con l'art. 1, comma 1, lettera d)) l'introduzione del comma 2-bis all'art. 1. del Dlgs 22/2007
Legislativo 30-ott-13 DM 155/2013/(MiSE) Regolamento recante criteri per l'esecuzione dei controlli metrologici successivi sui contatori dell'acqua e sui contatori di calore, ai sensi del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, attuativo della direttiva 2004/22/CE (MID) Contatori Acqua e Gas
Legislativo 24-mar-15 DM 60/2015/(MiSE) Regolamento concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli metrologici successivi sui contatori di energia elettrica attiva, ai sensi del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, attuativo della direttiva 2004/22/CE (MID) e modifiche al decreto 16 aprile 2012, n. 75, concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli successivi sui contatori del gas e sui dispositivi di conversione del volume Contatori Elettricità

Ultimo aggiornamento: 15/02/2019
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Numero Unico: 010.1010
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8