REPORT CONSIGLIO COMUNALE - 24 APRILE
A cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio comunale di Genova
Il Consiglio comunale inizia con la discussione degli articoli 54, interrogazioni a risposta immediata.

Mauro Avvenente (Pd) e Lorella Fontana (Lega SP) chiedono spiegazioni sui divieti di balneazione, a seguito dei dati di Arpal sulla qualità delle acque di Sturla e di Pegli. Quali prospettive per l’estate?
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Arpal, mensilmente e per tutta la stagione balneare, controlla le acque comparandone i valori con quelli degli ultimi quattro anni. Se un campione non risultasse idoneo, il sindaco ha l’obbligo di interdire la balneazione fino all’esito positivo del campionamento. Attualmente la balneazione è vietata nelle due spiagge citate, dove sono stati trovati colibatteri fecali; ci siamo quindi attivati con Ireti, per verificare che non ci siano scarichi illeciti».

Il muraglione di via della Sirena, crollato lo scorso agosto, è stato messo in sicurezza ma a distanza di mesi l’intervento non si è ancora concluso. Ci sono problemi di competenze? Tempi previsti per la fine lavori? Lo chiede Simone Ferrero (Vince Genova).
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: «L’intervento sarà inserito nel secondo lotto dei lavori sui muri, che prenderanno il via tra circa quindici giorni e proseguiranno per trenta giorni lavorativi. Sottolineo che la Soprintendenza ha concesso il nulla osta solo la settimana scorsa».
      
Anche per il depuratore di Cornigliano è stata aperta la procedura di infrazione. Per quale motivo non è stata ancora avviata la conferenza dei servizi per il Depuratore Area Centrale? È l’interrogazione di Enrico Pignone (Lista Crivello).
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Il depuratore attuale è vecchio, ma sono stati fatti interventi importanti che hanno portato a una riduzione dei miasmi. Il nuovo depuratore sorgerà accanto all’Ilva. Dai confronti con Ireti è emerso che non c’è procedura di infrazione; lo svolgimento della conferenza dei servizi è previsto entro fine luglio».

Guido Grillo (Forza Italia) parla del degrado della passeggiata a mare di Voltri, in molti tratti ammalorata, comprese le rampe di accesso al mare e le aiuole adiacenti.
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: «Conosco bene la passeggiata di Voltri perché il progetto è partito quando ero consigliere in Municipio e già allora sollevai obiezioni, in quanto una passeggiata in legno senza fondamenti, non può tenere. È stata comunque un’opera necessaria per la delegazione; realizzata dai Lavori Pubblici, la sua manutenzione è stata affidata a Utri Mare, con le stesse prerogative di Pra' Viva per la fascia di rispetto. Il problema è che non c’è alcuna protezione dalle mareggiate, perciò la spiaggia verrà sottoposta a ripascimento in modo da aumentare la distanza dal mare. Sarà fatto con lo smarino proveniente dai lavori dello scolmatore del Bisagno e l’intervento interesserà tutte le spiagge, da Voltri a Nervi».

Paolo Putti (Chiamami Genova) e Alessandro Terrile (Pd) vogliono sapere le motivazioni per cui è stato rimosso il direttore, sono state aumentate le tariffe della Fondazione Fulgis (soprattutto quelle del liceo linguistico tradizionale Grazia Deledda) e si rischia la chiusura dell’atelier dell’istituto Duchessa di Galliera. Quali gli indirizzi della Giunta in proposito?
Risponde l’assessore Matteo Campora: «I rapporti tra Comune e Fondazione sono regolati da una convenzione quadro. Ogni anno sarà stimata la cifra per il mantenimento del servizio delle scuole e l’ammontare della somma a carico degli utenti e del Comune. Ad oggi non abbiamo ancora ricevuto alcuna comunicazione formale sulle nuove tariffe. Il bilancio di Fulgis per il 2018 non è stato ancora ratificato, ci attiveremo quando avremo i dati ufficiali. L’amministrazione vuole continuare a mantenere in essere questa realtà, anche istituendo un tavolo di studio per verificare la situazione patrimoniale della Fondazione, in modo da continuare a tenere aperto l’istituto Duchessa di Galliera».

Predisposizione di un’area attrezzata e recintata per la sgambatura cani nei giardini Tito Rosina, adiacenti a corso Carbonara. È il tema proposto da Alberto Campanella (Fratelli d’Italia).
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Una delibera di Giunta del 2015 indica le linee guida per le aree di sgambatura dei cani. Tocca ai Municipi indicare i punti più idonei, quindi ho scritto ai relativi presidenti chiedendo loro di farsi parte diligente in tal senso».

Franco De Benedictis (Noi con l’Italia) solleva il problema dei rifiuti abbandonati in via Casaregis e in via Cecchi. Come si intende porre rimedio?
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Nelle ultime settimane abbiamo elevato molte sanzioni, specialmente nel Ponente. Per combattere gli abbandoni in città non bastano le telecamere, ci vuole un patto di civiltà con i cittadini. Sulla zona in questione ho ricevuto una relazione di Amiu: il recupero degli ingombranti abusivi viene fatto tre volte a settimana e dopo viene effettuata anche la pulizia dell’area».

Alle 15 il presidente Alessio Piana provvede all’appello; con 39 consiglieri presenti, la seduta è valida.

Si passa quindi alla discussione dell’ordine del giorno, che prevede:

tre delibere di Giunta

- Rendiconto 2017
Approvata con 24 voti favorevoli e 16 astenuti: Pd, Lista Crivello, Chiamami Genova, M5s. Concessa anche l’immediata eseguibilità.

- Revisione del regolamento del gruppo comunale di Protezione civile e antincendio boschivo “Gruppo Genova”
Approvata con 30 voti favorevoli e 10 presenti non votanti: Pd, Lista Crivello. Concessa anche l’immediata eseguibilità.

- Approvazione revisione e adeguamento regolamento per l’esercizio dell’attività di estetista
Approvata con 26 voti favorevoli e 13 presenti non votanti: Pd, Lista Crivello, M5s. Concessa anche l’immediata eseguibilità.

tre mozioni

- Problemi lavorativi over 40 e over 50, presentata da Cristina Lodi e Claudio Villa (Pd), che impegna sindaco e Giunta ad attivarsi con la Regione per aprire un confronto con le parti sociali, volto a trovare soluzioni a questo problema.
Approvata con 33 voti favorevoli e 7 presenti non votanti: M5s, Chiamami Genova

- Ristrutturazione del mercato ortofrutticolo di piazza Terralba, presentata da Maria Tini, Fabio Ceraudo, Stefano Giordano, Giuseppe Immordino, Luca Pirondini (M5s), che impegna sindaco e Giunta a verificare lo stato attuale del mercato e ad intervenire per risolverne le criticità.
Approvato all’unanimità con 40 voti favorevoli

- Valorizzazione della giornata dedicata alle vittime dell'amianto
presentata da Federico Bertorello, Maurizio Amorfini, Fabio Ariotti, Francesca Corso, Lorella Fontana, Luca Remuzzi, Maria Rosa Rossetti, Davide Rossi (Lega SP), che impegna in tal senso sindaco e Giunta.
Approvata con 34 voti favorevoli e 5 presenti non votanti: M5s.

Viene poi approvato all’unanimità (37 voti a favore) un odg “fuori sacco” sul trasferimento all’ospedale Gaslini del piccolo Alfie Evans, il bimbo britannico affetto da una malattia degenerativa.

tre interpellanze

- Struttura complessa consultoriale ASL 3, presentata da Cristina Lodi (Pd), che chiede cosa si stia facendo per mantenere le attività consultoriali, così importanti per i cittadini e per il lavoro degli Ambiti Territoriali Sociali.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Le scelte che riguardano l’assetto organizzativo di Asl 3 rientrano nelle disponibilità dell’azienda. L’interesse del Comune non riguarda, quindi, lo strumento organizzativo adottato dalla Asl ma il raggiungimento degli obiettivi, ai quali stiamo lavorando insieme. L’assessorato si rapporta costantemente con Asl per organizzare un efficace intervento socio sanitario, a partire dai minori e dalle famiglie».

- Progetto tecnico economico per la segnaletica turistica all'interno di Palazzo Tursi, presentata da Mariajosè Bruccoleri e Pietro Salemi (Lista Crivello) per conoscerne i tempi di predisposizione.
Risponde l’assessore Paola Bordilli: «Stiamo lavorando al progetto, che entro giugno prenderà forma».

- Posizionamento della pensilina sulla cremagliera Principe-Granarolo/marciapiede via Bari, presentata da Franco De Benedictis (Noi con l’Italia) per sollecitare l’intervento.
Risponde il vice sindaco Stefano Balleari: «Dopo il guasto che si è verificato, entro metà maggio la cremagliera rientrerà in funzione; per quanto riguarda il discorso sulle pensiline, Cemusa ne ha già installate tre, per poterne installare altre serve la richiesta al competente Municipio».

Il Consiglio comunale si conclude alle ore 17.33.
data: 
24/04/2018
Ultimo aggiornamento: 24/04/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8