Presentato il Premio Paganini, ambasciatore della musica e di Genova nel mondo

Martedì 18 aprile a Palazzo Tursi l'assessora alla Cultura Carla Sibilla ha presentato l'edizione numero 55 del premio Paganini, che si terrà a Genova dal 5 al 14 aprile 2018. Il bando di partecipazione è stato pubblicato sul sito www.premiopaganini.it e le preselezioni partiranno già nell’autunno di quest’anno

Parte di slancio la 55 edizione del premio Paganini, che si terrà a Genova dal 5 al 14 aprile 2018. Questa mattina, giovedì 18 aprile, l’assessore alla cultura Carla Sibilla ha comunicato che il bando per partecipare è stato pubblicato sul sito www.premiopaganini.it 
Il Premio – diventato a cadenza triennale – è una delle più importanti competizioni violinistiche mondiali. Fondato nel 1954 con l’obiettivo di scoprire giovani talenti, ha nel tempo laureato artisti importanti come Salvatore Accardo, Gidon Kremer e Leonidas Kavakos.

«Con la pubblicazione del bando è partito ufficialmente il tam tam tra i giovani musicisti under 30 – dichiara soddisfatta l’assessora alla cultura Carla Sibilla – il premio Paganini è stato per tanti talenti la rampa di lancio per una carriera internazionale piena di successi. A partecipare sono virtuosi provenienti da tutto il mondo, per questo le preselezioni si svolgeranno, tra agosto e ottobre 2017, a Mosca, New York, Vienna, Mosca, Guangzhou (Cina) e – naturalmente – Genova».

La decisione di far svolgere le “gare” che porteranno alla scelta dei concorrenti che parteciperanno alla fase finale di aprile 2018 in piazze europee e mondiali, è stata presa dal Comune di Genova a partire dall’edizione del 2015 -   organizzata dopo cinque anni di stop – per far conoscere Genova, attraverso il biglietto da visita del premio Paganini, oltre che come patria del celebre violinista, anche come città della musica.

Moltissimi partecipanti al Premio provengono, infatti, da paesi asiatici, dagli Stati Uniti e da ogni parte d’Europa.

Le iniziative in programma, aspettando il 55° premio Paganini
Il Comune di Genova accompagna l’attesa per la prossima edizione con un ricco calendario di appuntamenti dedicati alla figura di Nicolò Paganini. Si è da poco conclusa l’iniziativa “I suoni di Genova” - un’inedita produzione della casa discografica genovese Dynamic - registrata nella sala di Palazzo Tursi che ospita il “Cannone”, e realizzata con il violino, la chitarra e il violoncello appartenuti a Paganini, suonati dal violinista Giulio Plotino, assieme al violoncellista Clemens Hagen e al chitarrista Matteo Mela.

E dal 24 al 29 ottobre, a Genova terrà il primo Paganini Genova Festival. Sei giorni per far conoscere a tutti il grande musicista, con un ricco programma di eventi incontri e visite guidate diffuse per tutta Genova, organizzato dall’associazione Amici di Paganini in collaborazione con il Comune di Genova, il Teatro Carlo Felice, la Fondazione Hruby e il Conservatorio Paganini.

Saranno ospiti del Paganini Genova Festival: Luigi Attademo, Anna Tifu che si esibirà con il “Cannone”, Giovanni Angeleri, ultimo italiano ad aggiudicarsi il Premio Paganini, il Quartetto di Cremona, Oleksandr Pushkarenko, Natalia Prishepenko, Elisa Tomellini e Bin Huang.
Ma l’evento clou sarà il concerto del violino di Paganini al teatro Carlo Felice il 27 ottobre, giorno del compleanno del violinista, nato in questo giorno nel 1782.
Il festival si chiuderà con un concerto, sempre al Carlo Felice, che ospiterà anche una mostra di strumenti e cimeli paganiniani, in continuità con quanto esposto nella sala Paganiniana dei Musei di Strada Nuova.
La mostra è resa possibile dalla Fondazione Hruby e da Gianni Accornero.
Sempre all’interno del festival, sarà presentato anche il volume di aggiornamento del "Catalogo tematico delle musiche di Niccolò Paganini".
L’opera originale, realizzata dalle musicologhe Maria Rosa Moretti e Anna Sorrento fu commissionata nel 1982 dal Comune di Genova in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della nascita del grande compositore.
Dopo 35 anni, l’associazione culturale Musica con le Ali sostiene la realizzazione del volume di aggiornamento curato dalle stesse musicologhe.

«Il progetto del Paganini Genova Festival – sottolinea Carla Sibilla – si propone come appuntamento annuale e come elemento di completamento del concorso musicale. L’intento è promuoverne la conoscenza e allargare la platea del suo pubblico potenziale. L’iniziativa conferma l’apertura dell’Amministrazione civica nei confronti di tutte le idee e proposte che arricchiscano il premio, sempre nel rispetto dello spirito e del livello di alta qualità che caratterizza, fin dalla sua origine, la tradizionale manifestazione. Il Comune di Genova ha deciso di puntare su un rinnovato Premio Paganini, ora a cadenza triennale per un motivo semplice: il concorso è un importante volano di promozione della cultura musicale e dell’immagine della città nel mondo. Per aumentare il suo appeal internazionale, in questi anni abbiamo intessuto collaborazioni con le istituzioni culturali di paesi per così dire “strategici” per il concorso, tenendo conto della provenienza degli artisti e dei contatti “storici” che il Comune ha in essere attraverso gemellaggi e rapporti di cooperazione». 

Il Comune di Genova ha allo studio anche ulteriori azioni per promuovere, a livello europeo, l’eredità musicale paganiniana e la cultura violinistica nazionale, con l’intento di realizzare un vero e proprio itinerario paganiniano, trovando anche sinergie nei luoghi dove il musicista ha vissuto o suonato, come Genova, Cremona e in Europa Monaco, Nizza, Varsavia e Vienna.
18 aprile 2017
Ultimo aggiornamento: 18/04/2017
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8