Cultura

A Palazzo Grillo la mostra fotografica “Oltre il paesaggio”

Sei artisti contemporanei interpretano il tema del paesaggio con un linguaggio non convenzionale. Una mostra fotografica di respiro internazionale curata da Giovanni Battista Martini per lo spazio espositivo Primo Piano di Palazzo Grillo, in piazza delle Vigne. Inaugurazione venerdì 15 settembre alle 18.30

© Luca Gilli, Islanda 2009, N 2066
Il paesaggio nelle sue diverse scale di grandezza, dal dettaglio alla mappa, paesaggi montani in bianco e nero con cuciture colorate, la natura islandese fotografata in una dimensione trascendente e metafisica, sono solo alcuni esempi di come le immagini dei sei artisti ci portino “Oltre il paesaggio”. Ciascun autore ha progettato le opere con idee e modi diversi, ma con il comune denominatore della scelta del procedimento fotografico come base specifica o prevalente.

La mostra, curata da Giovanni Battista Martini per lo spazio espositivo Primo Piano di Palazzo Grillo, porta a Genova le immagini di sei artisti contemporanei, italiani e internazionali, che hanno interpretato il tema del paesaggio attraverso le diverse potenzialità offerte dal mezzo fotografico.

Uno spazio espositivo di 300 metri, quello di PRIMO PIANO, cui si accede da vico alla Chiesa delle Vigne 18r, ma che è parte di Palazzo Grillo, uno dei palazzi dei Rolli genovesi ristrutturato e diventato hotel a quattro stelle. Giovanni Battista Martini ed Enrico Paroletti, che a questa trasformazione hanno contribuito, vogliono continuare a offrire un programma culturale di ricerca e qualità per i cittadini e gli ospiti dell’hotel, aderendo al progetto di rilancio e riqualificazione del centro storico avviato dal Comune di Genova. L’attività culturale è resa possibile grazie alla collaborazione con A.R.T.E., Regione Liguria e Comune di Genova.

L’esposizione è intesa come un dialogo a distanza con la mostra “Rubaldo Merello e l'attrazione del paesaggio tra divisionismo e simbolismo: Segantini Previati Nomellini Pellizza“ sul tema del paesaggio in due contesti storici a un secolo di  distanza, ospitata a Palazzo Ducale dal 6 ottobre 2017 al 4 febbraio 2018.

La mostra resterà aperta da sabato 16 settembre a domenica 12 novembre, da mercoledì a domenica dalle ore 16 alle ore 20, con ingresso libero da vico alla Chiesa delle Vigne 18r.

GLI AUTORI E LE OPERE IN MOSTRA IN “OLTRE IL PAESAGGIO”:

Paolo Barbaro usa le stanze di un edificio abbandonato come camera ottica. Sui muri degli ambienti destinati alla demolizione si proietta il paesaggio circostante. Un dialogo tra memoria urbana e natura.
Luca Gilli presenta una serie di paesaggi dell’Islanda in cui la forza della natura viene riletta in una dimensione trascendente e metafisica.

Nancy Goldring giunge all’immagine finale attraverso un’elaborazione molto articolata. L’artista americana parte dall’analisi di un luogo, il paese medioevale di Sarteano in Toscana, attraverso disegni e fotografie che successivamente sovrappone in multiproiezioni simultanee. 

Iris Hutegger nelle sue fotografie analogiche esplora i rapporti tra percezione e memoria e tra realtà e illusione, intervenendo sui paesaggi montani stampati in bianco e nero con cuciture colorate, mettendo costantemente in discussione la nostra visione e il nostro rapporto col paesaggio.

Hervé Jézéquel, si pone come osservatore delle diverse scale di grandezza del paesaggio. Siano grandi spazi o dettagli, una mappa piegata o i particolari di un’onda, il suo sguardo osserva, sceglie, documenta.

Christian Lebrat realizza direttamente in macchina fotografica i suoi « Rubans photographiques », risultato di una sequenza di scatti di paesaggi, per lo più urbani, che si accavallano e compongono una sola immagine di nastro orizzontale.

Info: 3478974545
14 settembre 2017
Ultimo aggiornamento: 15/09/2017
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8