Novità tariffe cimiteriali

COMUNICAZIONE SU TARIFFE

Novità nel campo del sistema tariffario di alcuni servizi cimiteriali


Nella seduta del Consiglio Comunale che si è tenuta il 23 luglio è stata approvata, tra le altre, la Delibera proposta dall’Assessore Elena Fiorini che introduce modifiche al regime tariffario di alcuni servizi cimiteriali (oltre che correlate modifiche al Regolamento di Polizia Mortuaria).
A partire dal 12 settembre di quest’anno, infatti, scadranno per la prima volta i colombari e i pavimenti quarantennali, concessi dopo l’entrata in vigore del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria del 1973.
In considerazione  del particolare momento di generalizzata crisi economica, tale che molte famiglie hanno difficoltà a sostenere i costi relativi al rinnovo delle sepolture temporanee in scadenza, l’Amministrazione ha deciso di  offrire la possibilità di rinnovare le concessioni temporanee di ossari, fosse trentennali, colombari e pavimenti anche per una durata inferiore (10 o 20 anni) a quella ordinaria,  istituendo a tal fine specifiche tariffe, naturalmente più facilmente sostenibili.
Inoltre, allo scopo di incentivare i familiari dei defunti tumulati nelle sepolture in scadenza (qualora non vi sia interesse al rinnovo della concessione) a provvedere al trasferimento dei resti in altre sepolture, il Comune ha stabilito l’istituzione di apposite tariffe, particolarmente vantaggiose, “tutto incluso” (con spese comprese - in funzione della tipologia di intervento necessario - tra  126 e 466 €, a fronte di tariffe ordinarie comprese fra 271 e 756 €).
Allo scopo di sostenere i costi sostenuti per il gran numero di richieste che gli uffici ricevono, è stata  reintrodotta la tariffa di rimborso spese per la redazione di provvedimenti amministrativi relativi a volture e/o aggiunte di nominativi su concessioni, ad un costo inferiore rispetto alla precedente: si passa dai 345,80 € richiesti in passato ai  50 € attuali.
Sono state introdotte anche, analogamente a quanto avviene in numerosi altri Comuni italiani, tariffe tese a sostenere i costi per l’autorizzazione all’affido o alla dispersione delle ceneri (50 €), nonché per l’autorizzazione ad un eventuale cambio di destinazione delle ceneri (30 €).
Si è poi prevista una tariffa mensile (di 30 €, frazionabile in giorni) per il deposito provvisorio di resti e ceneri a partire dal 61mo giorno di giacenza. Tale provvedimento, apparentemente impopolare, si è reso necessario dal momento che troppo frequentemente i resti o le ceneri dei defunti vengono lasciati nei depositi per periodi molto lunghi, creando problemi logistici e organizzativi facilmente comprensibili, oltre che rappresentando un’evidente disparità di trattamento fra i cittadini.
Infine, per quanto riguarda la tariffa relativa alla sepoltura dei fanciulli, che ha suscitato alcune polemiche sulla stampa cittadina, si chiarisce che questa è stata  riproposta non certo per introdurre nuove “gabelle”, bensì per consentire alle famiglie colpite dal gravissimo lutto della perdita di un bambino di sostenere costi (417 €) inferiori a quelli precedenti (compresi fra 746 e 1.810 €).
 
Per informazioni:
Unità di Progetto Decentramento Funzioni Cimiteriali
Ufficio Concessioni - Corso Torino 11, piano 1° - sala 113
orario al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 8,10 alle 12,00
tel. 0105576891 - 858 - 955
e-mail cimiteriuffcentrcon@comune.genova.it

 
 
Ultimo aggiornamento: 21/08/2013
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8