La Cenerentola dell'Accademia della Scala apre la stagione di danza del Carlo Felice

Presentato lo spettacolo che venerdì 11 novembre aprirà la stagione di danza del Teatro Carlo Felice. È Cenerentola, favola dolce e romantica su musiche di Sergej Prokof’ev, di cui saranno protagonisti oltre 100 allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia del Teatro alla Scala. La coreografia è di Frédéric Olivieri, direttore del dipartimento Danza dell'Accademia e della Scuola di Ballo, che ha realizzato per i suoi allievi una versione in due atti del classico balletto di repertorio, molto rispettosa del libretto e della partitura, ma «con qualche momento di magia». Maurizio Roi: «L’Accademia della Scala eccellenza del nostro paese, centro di livello internazionale e grande risorsa di cui essere orgogliosi. Quella con l’Accademia è una partnership che vorremmo sviluppare a tutto tondo»

Cenerentola (foto di Andrea Angeli)
Ci saranno zucche, carrozze e sorellastre invidiose. La danza delle fate delle quattro stagioni chiamate dalla Fata Madrina per trasformare il sogno di Cenerentola in realtà, il ballo a corte, la danza delle tre arance - dono del Principe che le sorellastre si contendono -, le danze spagnola e araba, le variazioni e i passi a due di Cenerentola e del Principe. Ci sarà tutto questo e altro ancora, ma, soprattutto, ci sarà il talento degli allievi della Scuola di Ballo per eccellenza - quella che ha formato étoile del calibro di Carla Fracci, Luciana Savignano, Oriella Dorella e Roberto Bolle -  nella Cenerentola che venerdì 11 novembre andrà in scena al Carlo Felice. Una coreografia classico-romantica all’insegna della grazia e dell’eleganza, che lascia spazio alla manifestazione dei sentimenti e alla dimensione fiabesca, pensata per mettere in luce e valorizzare le doti dei giovani interpreti.

«Questo balletto rappresenta un importante momento di formazione e didattica, un impegno forte a livello tecnico – spiega il direttore Frédéric Olivieri – e una prova per ballerine e ballerini già maturi, quali sono gli allievi dell’ultimo anno della scuola. È una versione molto rispettosa del libretto originale di Nicolai Volkov e delle atmosfere suggerite dalla partitura di Sergej Prokof’ev.  Si tratta del primo spettacolo prodotto interamente dall’Accademia, cui hanno lavorato anche allievi dei corsi di sartoria per i costumi, scenografia e management». Olivieri ha poi lodato le caratteristiche del Teatro Carlo Felice, dotato di un palcoscenico “adattissimo per la danza”.

Il sovrintendente Maurizio Roi ha sottolineato come questa nuova collaborazione con l’Accademia della Scala sia frutto di un’intesa per lavorare sulla formazione professionale «in una partnership che vorremmo sviluppare a tutto tondo con l'Accademia della Scala che è una grande risorsa del nostro paese, un grande centro di livello internazionale, un'eccellenza italiana di cui non tutti sono sufficientemente consapevoli e orgogliosi».

Roi ha concluso il suo intervento con un invito: «In città e in regione le scuole di danza sono molte, Genova ne ha una fondata da Mario Porcile (creatore e ’anima’ dei Balletti di Nervi, ndr). Spero che i genitori degli allievi li portino a teatro, che è la destinazione giusta per la loro attività».

Alla presentazione ha partecipato Elisabetta Patti in rappresentaza della Fondazione Bracco che ha un rapporto consolidato con l'Accademia della Scala, di cui sostiene sia l'attività didattica sia progetti specifici come questa Cenerentola che ha debuttato con grande successo al Piccolo di Milano – Teatro Strehler il 29 aprile 2015.

Al Teatro Carlo Felice lo spettacolo andrà in scena venerdì 11 novembre alle 20.30, sabato 12 novembre alle 15.30 e alle 20.30 e domenica 13 novembre alle 15.30.

Le scene sono firmate da Angelo Sala, i costumi degli interpreti principali sono stati disegnati da Maria Chiara Donato e le luci sono realizzate da Andrea Giretti. La partitura di Sergej Prokof’ev è stata affidata ad un artista di rilievo, Pietro Mianiti, che dirigerà l’Orchestra del Teatro Carlo Felice. Nel ruolo di Cenerentola Caterina Bianchi, talentuosa allieva dell'ottavo corso, che Olivieri definisce "di grande forza tecnica e soprattutto artistica". 

www.carlofelicegenova.it



10 novembre 2016
Ultimo aggiornamento: 10/11/2016
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8