LABADANzky invade Sala Dogana

Sala Dogana ospita, fino all’11 marzo, La mostra "Rest in Pieces", proponendo una serie di opere scultoree e pittoriche che prendono spunto dalla metropoli. Grandi manichini in cerca di ristoro prima di affrontare la prossima, e forse difficilmente comprensibile, causa

Testo Alternativo
Stanche di deambulare per la città le opere di LABADANzky si sono sistemate temporaneamente a Sala Dogana. questi automi a trazione concettuale hanno occupato la sala fino all’11 marzo, ma non è esclusa qualche incursione nelle piazze o vie di Genova.

Vale la pena, quindi, dedicare del tempo per fare una visita a questi “burattini 2.0” che hanno la forza di unire la street art all’Arte di relazione, una forma di arte contemporanea che vuole il coinvolgimento del pubblico fruitore alla costruzione o alla definizione dell'opera di cui fruisce. LABADANzky, che è lo pseudonimo dell’artista, sviluppa un’azione di rilievo sociale, ponendo al centro l’uomo e la creatività, riuscendo a mettere in relazione lo spazio con la città.

*LABADANzky - feb.2018 - Courtesy of Aboutness Gallery

Ingresso libero dal martedì alla domenica ore 15.00 | 20.00

Info Sala Dogana Comune di Genova - Direzione Marketing territoriale, Promozione della città e Attività Culturali Progetto ‘Sala Dogana. Giovani idee intransito’
saladogana@comune.genova.it;
www.genovacreativa.it;
www.palazzoducale.genova.it;
pagina facebook: Sala Dogana Genova

7 marzo 2018
Ultimo aggiornamento: 07/03/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8