Inaugurato il nuovo ascensore di Villa Scassi

Chiuso dal 2007 è entrato in funzione giovedì 29 dicembre. Fortemente voluto dagli abitanti collega via Cantore con l'ospedale di Sampierdarena. In grado di effettuare 14 corse all'ora. Rispetto al vecchio impianto non si dovrà più percorrere a piedi la galleria. Corse gratis fino alla fine dell'anno.

È stato inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco di Genova Marco Doria, degli assessori comunali alla mobilità Anna Maria Dagnino e ai lavori pubblici Giovanni Crivello, dell’assessore regionale allo sviluppo economico Edoardo Rixi e del presidente del Municipio Centro Ovest Franco Marenco, il nuovo ascensore di Villa Scassi.

La linea, fortemente richiesta dai cittadini di Sampierdarena e voluta dall’Amministrazione comunale, permette di collegare via Cantore con corso Scassi consentendo in una sola ora di trasportare 420 persone (14 le corse previste in 60 minuti) e unendo, in ottanta secondi, la parte bassa con la parte alta del popoloso quartiere dove – lo ricordiamo – è operante l’ospedale della Asl 3.

L’impianto si inserisce nella lunga tradizione del trasporto verticale genovese. «Genova ha una lunga tradizione nella progettazione e costruzione di ascensori e funicolari a servizio della "città in salita" – sottolinea l’assessore alla mobilità Anna Maria Dagnino – Nell'800 si aprono diversi impianti, come la funicolare sant'Anna, inaugurata nel 1891, ma la tradizione arriva fino ai giorni nostri. E' dello scorso anno infatti l'inaugurazione dell'ascensore inclinato di Quezzi e oggi questa nuova importante apertura».

Questo ascensore rappresenta un “salto in avanti” tecnologico, apripista nel panorama di settore sia a livello nazionale che europeo: per la prima volta viene superata la discontinuità, per un impianto pubblico, tra avanzamento orizzontale e verticale; l’ascensore, infatti, è dotato di un sistema che permette alla cabina di percorrere il tratto in piano e il tratto in salita senza soluzione di continuità.

«Un impianto all’avanguardia che – continua l’assessore Dagnino – elimina il lungo percorso a piedi che era il limite, anche in termini di sicurezza, del vecchio impianto. La sua articolata progettazione è stata seguita con molto interesse dallo stesso Ministero dei Trasporti in quanto ad oggi rappresenta l'unico esempio a livello nazionale. Domani e dopodomani sarà gratuito perché tutti i cittadini lo possano vedere».

L’infrastruttura è stata realizzata utilizzando una parte della preesistente galleria posta sotto il parco di Villa Scassi, scavando un nuovo tunnel inclinato. Per questi motivi l’impianto può essere considerato a tutti gli effetti un ascensore ad inclinazione variabile, il primo rientrante nella specifica categoria prevista dalla legge nazionale, che nel 2014 ha assorbito le disposizioni comunitarie.

La linea, che fino al 31 dicembre sarà aperta gratuitamente, per un primo periodo sarà operativa con orario ridotto, per consentire il rodaggio e la calibrazione definitiva dei macchinari.

L’opera è stata possibile grazie ai finanziamenti del Fondo europeo di sviluppo regionale 2007- 2013 (3 milioni e 200 mila euro) e a uno stanziamento di circa un milione e 800 mila euro del Comune di Genova. Questo è l’ultimo intervento del POR, Programma operativo regionale 2007-2013, dedicato a Sampierdarena grazie al quale si sono effettuati altre opere in via Buranello, piazza Vittorio Veneto, via Pellegrini, via Daste, via Cantore, palazzo del Muncipio.
29 dicembre 2016
Ultimo aggiornamento: 30/12/2016
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8