Consiglio Comunale dell' 11 settembre

Approvata poco prima di mezzanotte la delibera consiliare sul registro delle famiglie. Gli altri argomenti trattati riguardano la ricostruzione del Ponte Morandi, gli sfollati e la viabilità. Approvate sei delibere di modifica al Puc. Ricordati gli ex consiglieri Cosma e Agosti recentemente scomparsi. Un ordine del giorno sulla vertenza dei lavoratori Postel

Testo Alternativo
Il Consiglio comunale inizia con la discussione degli articoli 54, interrogazioni a risposta immediata.

Paolo Putti (Chiamami Genova) chiede chiarimenti riguardo al servizio AMT di Nave Bus, con approfondimento particolare sul biglietto per residenti, e chiarimenti e considerazioni su possibili ampliamenti del servizio
Risponde l’assessore Stefano Balleari: “Il tema che solleva è rilevante e, come sa, il servizio della Nave Bus è aumentato del 75%. Il biglietto viene venduto direttamente a bordo perché bisogna verificare se si tratta di un passeggero residente che ha diritto a un biglietto scontato. Questo titolo di viaggio, come sa, va obliterato due volte. Per completezza dell’informazione aggiungo che da domani mattina sarà funzionante il parcheggio di Prà con 100 posti auto in più”.

Lorella Fontana (Lega Salvini Premier) lamenta l’inciviltà di chi ha creato una discarica a cielo aperto in un cavedio tra le abitazioni di Pré e domanda quali interventi possono essere posti in atto, ma soprattutto quali siano le possibilità di intervento del Comune in questa situazione prevalentemente privata.
Risponde l’assessore Matteo Campora: “La situazione è stata portata all’attenzione dell’Amministrazione da alcuni cittadini. Gli amministratori dei condomini, su nostra richiesta, sono intervenuti migliorando la situazione, abbiamo alcune foto che lo testimoniano. La pulizia è quasi completata. Sono situazioni intollerabili anche se avvengono in aree private. Si corrono rischi enormi per l’igiene e la sicurezza pubblica”.
Risponde l’assessore Stefano Garassino: “Mi incontrerò con l’amministratore condominiale e la proprietaria dell’appartamento ritenuto responsabile. Faremo in modo che questi comportamenti incivili non si ripetano”.

Cristina Lodi (Partito Democratico) richiede un’informativa urgente sugli estremi dell’accordo sottoscritto tra Comune, Regione Liguria e Città Metropolitana che prevede di ospitare un nuovo polo urbano multifunzionale sull’area ex Miralanza di Teglia.
Risponde l’assessore Simonetta Cenci: “Mi preme prima di rispondere al quesito fare una serie di chiarimenti. La dichiarazione è stata fatta dopo aver svolto un sopralluogo conoscitivo sull’area per rendersi conto dello stato dei luoghi e incontrare la proprietà per studiare una riqualificazione dell’ex Miralanza di Teglia. Il crollo del ponte ha accelerato i tempi. Ad oggi non è stato sottoscritto nessun accordo tra Comune Regione e Città Metropolitana. Si tratta di un protocollo del 2012 che ha comportato la pianificazione regionale e comunale recepita dal Puc del 2015. Non di carattere attuativo ma pianificatorio. C’è il massimo interesse, ma l’uso di quell’area non è stato ancora deciso. Bisogna capire con la proprietà cosa si può fare e a questo proposito abbiamo aperto tavoli appositi”.

Guido Grillo (Forza Italia) chiede quali siano le iniziative adottate al fine di informare gli automobilisti ai caselli autostradali e tramite i pannelli a messaggistica variabile in città circa i percorsi della Valpolcevera e del Ponente per raggiungere il tratto autostradale che collega con l’autostrada a levante e viceversa
Risponde l’assessore Stefano Balleari: “La problematica è che la messaggistica luminosa variabile si basa su un numero di caratteri limitati. I cartelli ci sono sia all’interno dell’autostrada che in città. A Sestri, ad esempio, ci sono informazioni precise con l’indicazione dell’Autostrada da percorrere e altri specifici avvisi. Stiamo facendo molto, ma siamo disponibili ad accogliere qualsiasi suggerimento per fare ancora di più”.

Alberto Pandolfo (Partito Democratico) chiede aggiornamenti sullo stato di avanzamento dei lavori del nodo ferroviario di Genova
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: “È un argomento determinante, soprattutto in questo momento in cui i trasporti pubblici sono così importanti. Una parte dei lavori, nello specifico il riadattamento delle gallerie, è stata riappaltata dopo il fallimento del consorzio Eureka. I lavori sono ripartiti da poco con un nuovo appaltatore. Ci siamo attivati con Rfi per conoscere le scadenze e il cronoprogramma. Si tratta di un’opera che va a modificare tutto la mobilità del ponente cittadino”.

Alberto Campanella (Fratelli d’Italia) domanda quali provvedimenti l’Amministrazione abbia intenzione di adottare per agevolare la viabilità dallo svincolo autostradale di Genova Est verso la Sopraelevata (unica via verso il centro o il ponente per chi proviene da levante) che, a seguito del crollo del ponte Morandi, ha visto un incremento del traffico. Sottolinea, inoltre, alcune problematiche che questo tracciato presenta, quali la strettoia di via Canevari ad una corsia per il traffico privato e impegnata in un cantiere e i lavori per lo scolmatore all’altezza di Brignole.
Risponde l’assessore Stefano Balleari: “Per quanto riguarda il tema sollevato, la raccomandazione è quella di utilizzare il parcheggio di interscambio di Genova Est per poi servirsi dei mezzi pubblici verso il centro cittadino. Una raccomandazione che sto ripetendo da giorni e giorni. Avevamo intenzione di spostare la fermata dei bus all’incrocio con via Montaldo, portandola a centro strada, rendendo più fluida la viabilità. Non siamo ancora intervenuti per le attuali difficoltà contingenti.  Il cantiere dello scolmatore del Bisagno è importante. Abbiamo valutato una sua eventuale sospensione, ma si tratta di un’opera fondamentale per la messa in sicurezza della città e non sono stati riscontrati particolari problemi”.

Alessandro Terrile (Partito Democratico) chiede informazioni sullo stato della progettazione e sui tempi di realizzazione previsti per il prolungamento dei binari della Metropolitana alla stazione di Brin (cosiddetto “tronchino di Brin”)
Risponde l’assessore Stefano Balleari: “Il progetto a cui si riferisce è già stato deliberato da questa Amministrazione ma, come sa, nel frattempo è intervenuto il finanziamento per il prolungamento della metropolitana, il 27 dicembre 2017. Ora stiamo valutando una opzione intermedia. Un progetto di adattamento per poter mettere un treno in più per consentire lo stesso la manovra”.


Carmelo Cassibba (Vince Genova) domanda aggiornamenti su progetti e prospettive di sviluppo della “Valletta dello sport” del Lagaccio.

Federico Bertorello (Lega Salvini Premier) chiede informazioni riguardanti la
realizzazione di un’area con giochi inclusivi in via Bartolomeo Bianco e sulla riqualificazione del quartiere del Lagaccio nell’ambito del progetto “Valletta dello sport”
Risponde a entrambi l’assessore Simonetta Cenci: “Si tratta di un progetto dei lavori pubblici. Sono state affrontare le valutazioni sui costi. Il costo è di 200 mila euro. Cercheremo di finanziarla al di fuori del piano triennale. Il primo passo per riqualificare tutta l’area, che deve diventare una parte del progetto della caserma Gavoglio. Noi siamo assolutamente per andare avanti e chi vuole dare una mano è ben accetto”.


Giovanni Crivello (Lista Crivello) richiede informazioni relative al possibile rientro, temporaneo, degli abitanti di via Porro dopo il crollo del ponte Morandi
Risponde il Sindaco Marco Bucci: “Nella zona rossa ci sono 253 famiglie sfollate. A tutt’oggi ne mancano circa 21 che non hanno ancora ricevuto la casa o non hanno ancora accettato il contributo autonomo. È un buon risultato e confido che prima di venerdì prossimo riusciremo ad avere la certezza per tutti. Bisogna dare agli interessati il tempo di decidere in completa serenità. Più complesso il recupero delle cose personali nelle abitazioni. La condizione di fattibilità dipende dalla collocazione del sistema di monitoraggio. Verrà installato su entrambi i lati crollati del ponte, ma si inizierà dalla pila 10, quella che interessa le case degli sfollati. È una cosa complessa. Si tratta di 200 sensori che non sono neppure interamente disponibili in Italia, ma vanno acquistati all’estero. I primi apparecchi arriveranno, salvo ritardi, giovedì sera e i vigili del fuoco si sono resi disponibili a montarli già venerdì. Ma molto dipende dal tempo atmosferico perché, con condizioni meteo avverse, la loro sistemazione dovrà essere rinviata”.

Il Segretario Generale procede all’appello dal quale risultano presenti 39 consiglieri.


Luca Pirondini (Movimento 5 Stelle) chiede il parere del sindaco sulla presenza dell’ad di Autostrade Castellucci, indagato per il crollo del ponte Morandi, alla presentazione del plastico donato da Renzo Piano alla città di Genova.
Risponde il Sindaco Marco Bucci: “L’obiettivo della Giunta è costruire un ponte di qualità nel minor tempo possibile. A oggi, il ponte, sottoposto a sequestro, è in concessione a società Autostrade che, in base alla concessione, si deve impegnare a ricostruirlo. Un impegno che deve essere rispettato. Tranne nel caso in cui il Governo decida diversamente attraverso un decreto. Noi abbiamo ricevuto una sola offerta, molto chiara, un progetto di Renzo Piano, con alcune società che si sono messe insieme per la ricostruzione, una è Fincantieri l’altra Autostrade, che pagherà il ponte. Per quanto riguarda la responsabilità del crollo del Ponte Morandi spetta alla Magistratura stabilire i colpevoli”. 

Francesco De Benedictis (Noi con l’Italia) evidenzia come, dopo il crollo del ponte Morandi, gli abitanti di corso Perrone civv. 92-94-96 e 98, per un totale di 48 famiglie con anziani e bambini, non possano più usufruire di mezzi di trasporto pubblico e siano costretti a percorrere un chilometro e mezzo in direzione Fegino per poter utilizzare bus e metropolitana. Quali provvedimenti intende prendere l’Amministrazione per alleviare il grave disagio, anche in previsione dell’apertura delle scuole?
Risponde l’assessore Stefano Balleari: “Capisco il disagio dei residenti. Abbiamo fatto molti sopralluoghi, ma Amt non ha i mezzi adatti per transitare in quella strada. La soluzione è l’uso di mezzi alternativi come un pulmino o il servizio taxi”.

Il Consiglio osserva un minuto di silenzio in ricordo degli ex consiglieri Salvatore Ottavio Cosma e Giovanni Agosti recentemente scomparsi.

Il presidente Alessio Piana legge un Ordine del Giorno “fuori sacco” sulla vertenza dei lavoratori Postel, deciso dai capigruppo e approvato all’unanimità dai 39 consiglieri presenti.


Si passa poi alla discussione dell’ordine del giorno, che prevede:

DELIBERA DI CONSIGLIO 311   06/09/2018
Modifica della composizione delle commissioni consiliari permanenti limitatamente ai gruppi consiliari vince Genova e fratelli d’Italia
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0246
PROPOSTA N. 49 DEL 26/07/2018
Procedimento unico ai sensi dell’art 10, comma 3, della lr 10/2012 e s.m.i. progetto – su 180/2018 – inerente la realizzazione di una residenza protetta per anziani in via del sole civ. 9 - via Copernico civ. 4a, con contestuale aggiornamento del piano urbanistico. Ai sensi dell’art 43 della lr 36/1997 e s.m.i.
preventivo assenso in relazione alle modifiche da apportare allo strumento urbanistico vigente.
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0285
PROPOSTA N. 53 DEL 23/08/2018
Presa d’atto della mancata presentazione di osservazioni alla d.c.c. n. 41/2018 «adozione di aggiornamento al Puc, ai sensi della disciplina del medesimo Puc relativa ai servizi pubblici (sis-s), art. sis-s-2, per la ridefinizione della disciplina urbanistica di aree site in via del commercio civ. 3, a Genova Nervi – municipio ix levante» e contestuale approvazione dell’aggiornamento del Puc.
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO0286
PROPOSTA N. 54 DEL 23/08/2018
Presa d’atto della mancata presentazione di osservazioni alla d.c.c. n. 42/2018 «adozione di aggiornamento al Puc, ai sensi della disciplina del medesimo Puc relativa ai servizi pubblici (sis-s), art. sis-s-2, per la ridefinizione della disciplina urbanistica dell’immobile, e relative aree di pertinenza, sito in via Camaldoli civ. 5, a Genova – municipio iii bassa Valbisagno» e contestuale approvazione dell’aggiornamento del Puc
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0287
PROPOSTA N. 55 DEL 23/08/2018
Presa d’atto della mancata presentazione di osservazioni alla d.c.c. n. 43/2018 «adozione di aggiornamento al Puc, ai sensi della disciplina del medesimo Puc relativa ai servizi pubblici (sis-s), art. sis-s2, per la ridefinizione della disciplina urbanistica dell’immobile denominato “villa Peirano” e del giardino di pertinenza, siti in via padre Semeria civ. 40, a Genova Albaro – municipio viii medio levante» e contestuale approvazione dell’aggiornamento del Puc.
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0288
PROPOSTA N. 56 DEL 23/08/2018
Presa d’atto della mancata presentazione di osservazioni alla d.c.c. n. 44/2018 «adozione di aggiornamento al puc, ai sensi della disciplina del medesimo Puc relativa ai servizi pubblici (sis-s), art. sis-s2, per la ridefinizione della disciplina urbanistica dell’immobile denominato “villa Spinola Pallavicino” e del giardino di pertinenza, siti in via sant’Alberto civv.3 e 5, a Sestri ponente – municipio vi medio ponente» e contestuale approvazione dell’aggiornamento del Puc.
Approvata all’unanimità.

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0289
PROPOSTA N. 57 DEL 23/08/2018
Presa d’atto della mancata presentazione di osservazioni alla d.c.c. n. 45/2018 «adozione di aggiornamento al Puc, ai sensi della disciplina del medesimo puc relativa ai servizi pubblici (sis-s), art. sis-s2, per la ridefinizione della disciplina urbanistica di parte del compendio immobiliare sito in salita Cassinelle civ. 9, a Genova Borzoli – municipio vi medio ponente» e contestuale approvazione dell’aggiornamento del Puc.
Approvata all’unanimità.

Dopo una breve interruzione, chiesta dal gruppo consiliare del Pd, riprendono i lavori con la discussione della delibera seguente, per la cui modifica sono stati presentati emendamenti dal gruppo consiliare del Partito Democratico, dal M5s e dalla Lista Crivello.

DELIBERA DI CONSIGLIO 0300 23/08/2018
Proposta di deliberazione dei consiglieri Mascia, Fontana, Costa, Campanella, De Benedictis ai sensi dell’art. 51 del regolamento del consiglio comunale.
Istituzione del registro amministrativo delle famiglie approvazione del relativo regolamento.

Dopo l’inizio dell’esposizione degli emendamenti, la seduta è stata sospesa per la convocazione di una conferenza dei capigruppo. Alla ripresa della discussione la delibera è stata approvata con 23 voti favorevoli e 1 contrario.

La discussione della delibera di Consiglio 0256 del 23/07/2018
(inserita nell’ordine del giorno con procedura d’urgenza)
Proposta di deliberazione dei consiglieri Mascia, Anzalone, Baroni, Grillo, Lauro, Fonta-na, Costa, Campanella, Vacalebre, De Benedictis ai sensi dell’art. 51 del regolamento del Consiglio Comunale. Istituzione del garante dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza e contestuale approvazione del relativo regolamento.
È stata rinviata alla prossima seduta consiliare
I lavori si chiudono alle ore 23.52
12 settembre 2018
Ultimo aggiornamento: 12/09/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8