Consiglio comunale del 7 novembre

Temi trattati: rete fognaria di via Robino, sfalcio in via Lugo, quartiere della Maddalena, passaggio al Comune del Parco della Lanterna, derattizzazione, sicurezza notturna a Sarzano, affissioni abusive e barriere architettoniche. All'ordine del giorno, una delibera, tre interpellanze e due mozioni

Testo Alternativo
Il Consiglio comunale inizia con la discussione degli articoli 54, interrogazioni a risposta immediata.

Alessandro Terrile (Pd) interroga la Giunta, in seguito a numerosi guasti, sulla rete fognaria di via Robino: è urgente intervenire, anche in danno, per motivi igienici.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Ireti gestisce le fogne fino al civico 45. A monte le condotte non sono comunali. Il servizio opere idrauliche e Sanitarie del Comune ha effrettuato qualche intervento in emergenza. Approfondiremo in seguito insieme agli amministratori e al Municipio».

San Teodoro: frana di via Lugo, potatura alberi, sfalcio e pulizia. Su questi temi chiede informazioni Davide Rossi (Ln). I cittadini si lamentano per la pulizia degli spazi, per la necessità si sfalci e potature, per la presenza di topi. Chiedo poi notizie sulla frana.
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: «Per quanto di mia competenza, ho interpellato tre uffici. Sulla scarpata di via Lugo si è già intervenuti, a parte la costruzione del muro per cui si sono avviate le procedure. Per sfalci e potature il Comune può intervenire solo sulla sua proprietà. Dal punto di vista geologico è previsto un nuovo sopralluogo».

Il degrado e il disordine sociale nel quartiere della Maddalena, specialmente nelle aree limitrofe a vico Spinola e vico Mele, sono i temi dell’interrogazione di Stefano Costa (Vg). Sono questi i problemi principali: attività illecite o delinquenziali, desertificazione della zona con chiusura di esercizi commerciali, condizioni igieniche intollerabili, crollo del valore degli immobili, fuga dei cittadini.
Risponde l’assessore Stefano Garassino: «Ho incontrato i cittadini, che lamentano gli stessi problemi. Le attività illegali sono il problema più grave. Negli ultimi mesi sono state identificate molte persone dedite ad attività illegali, ma il problema permane. Prossimamente saranno messi a bando a favore di associazioni gli immobili sequestrati alla famiglia Canfarotta. Ciò dovrebbe contribuire a migliorare la vivibilità della zona».

Genova è precipitata al 74° posto della classifica nazionale dei capoluoghi di provincia nel rapporto “ecosistema urbano 2017” di Legambiente, Ambiente Italia e Sole 24 ore, con una perdita di 61 posizioni in 10 anni. Paolo Putti (Cg) chiede quali misure intenda attuare la Giunta per recuperare vivibilità e qualità ambientale per la tutela della salute della cittadinanza. I 16 indicatori considerati riguardano aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia. Ciò significa che i genovesi sono esposti a rischi significativi.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Stiamo leggendo e valutando attentamente il rapporto, uno strumento molto importante. Il mio assessorato si occupa tra l’altro di qualità dell’aria; a questo proposito, in questa fine d’anno sarà completato il piano dell’aria regionale, da cui otterremo indicazioni. In generale ci impegneremo per risalire la classifica, consapevoli che in questo modo miglioreremo la vita dei cittadini».

Fabio Ceraudo (M5s) chiede quali iniziative si vogliano intraprendere per accelerare le procedure per il passaggio sotto il controllo del Comune del parco, del museo e della passeggiata della Lanterna. La cura del monumento, tuttora sotto il controllo del Demanio, è finora affidata all’opera meritoria di volontari. Il protocollo d’intesa con Provincia e Municipio è del 2014. In questi anni, nonostante la mancanza di fondi, grazie ai giovani urbanisti volontari si è evitata la chiusura. Nel 2016 la Lanterna ha avuto più di 18 mila visitatori, con vari eventi e mostre. Nel 2018, anno del patrimonio culturale, il monumento compirà 890 anni. La Giunta si adopererà per accelerare il passaggio, e come? Che impegno economico si prevede per il futuro? Per la gestione della Lanterna, che tipo di rapporto si prevede con il Porto?
Risponde l’assessore Elisa Serafini: «Il faro è stato colpito da un fulmine in estate. È stata un’occasione per iniziare da subito un percorso con gli altri soggetti che si occupano della Lanterna. La questione è complessa, perché le competenze sul monumento sono fortemente intrecciate. Abbiamo sollecitato la cessione delle aree, che riteniamo possano essere acquisite entro l’anno».

Sull’aumento dei topi in città, sulle cause del fenomeno e sui possibili interventi per arginarlo interviene Franco De Benedictis (Di). È un po’ avventata la recente affermazione degli uffici del Comune secondo cui a Genova ci sono meno topi di un tempo. È italiano il maggiore esperto mondiale di derattizzazione. Propongo che il Comune si rivolga a lui.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Anche nel campo della derattizzazione ci sono regole ben precise, ma i confronti con gli esperti possono sempre essere utili. I ratti sono presenti soprattutto nelle zone dove maggiore è il degrado, o dove viene lasciato cibo all’aperto, come avviene ogni sera sulla spiaggia di Boccadasse».

Un’informativa urgente sulla sicurezza notturna della zona di piazza Sarzano, Grazie e San Bernardo, fino a vico Biscotti, è chiesta da Cristina Lodi (Pd): i cittadini sono preoccupati, nonostante le ordinanze e le sue frequenti dichiarazioni, assessore, sulla sicurezza. La preoccupazione maggiore è sullo spaccio.
Risponde l’assessore Stefano Garassino: «Sui temi dell’ordinanza centro storico e di quella dell’interforze avremo un incontro domani con il prefetto. Con le energie che abbiamo faremo il possibile. Appena fatta la variazione di bilancio, assumeremo 35 agenti. Interverranno anche i volontari dell’associazione carabinieri in congedo, con funzione non di ronda, come è stato detto, ma di osservazione».

Lilli Lauro (Fi) propone il tema della rimozione delle affissioni abusive. Ce ne sono di due tipi: sono quelle che non hanno patrocinio e quelle che, avendo il patrocinio del Comune, vengono affisse fuori dalle norme. Il patrocinio non si dà per sporcare la città. Ci sono affissioni dappertutto, che dovrebbero essere punite con 200 euro di multa per ognuna.
Risponde nuovamente l’assessore Stefano Garassino: «In futuro si potrà pensare di togliere i patrocini a chi commette questa infrazione. Nel 2017 ci sono stati 15 verbali per infrazioni che non prevedono la rimozione dei manifesti. Non è stata rilevata alcuna  infrazione con obbligo di rimozione».

A proposito del Peba, il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, Stefano Giordano (M5s), chiede se i Municipi abbiano avviato un censimento per individuare le strade a maggiore criticità. Nel 2016, ricorda Giordano, il Comune ha aderito al piano, che prescriveva l’istituzione di un gruppo Peba e altri adempimenti. A che punto è l’attuazione della delibera? Quali azioni si intende intraprendere?
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: «Aster è disponibile a intervenire, in seguito al censimento effettuato dai municipi. Mi impegno personalmente ad affrontare il problema».


Alle ore 15 il presidente Alessio Piana provvede all’appello; con 41 consiglieri presenti,  la seduta è valida.

L’ordine del giorno prevede:

una delibera di Giunta
- Approvazione del nuovo regolamento edilizio comunale ai sensi dell’articolo 4, comma 1-sexies del decreto del presidente della Repubblica n. 380 del 6/6/2001 e in adeguamento all’intesa tra il governo, le regioni ed i comuni approvata in conferenza unificata il 16/10/2016 e alla deliberazione della Giunta regionale n. 316 del 14/4/2017
Approvata all’unanimità con 40 voti favorevoli. Il Consiglio concede anche l’immediata eseguibilità

tre mozioni

- Inquinamento acustico nel ponente genovese, presentata da: Fabio Ceraudo, Stefano Giordano, Giuseppe Immordino, Luca Pirondini, Maria Tini (M5s), che impegna il Sindaco e la Giunta a sollecitare la Asl a effettuare prevenzione attraverso verifiche e proposte di soluzione dei problemi
Approvata all’unanimità con 39 voti favorevoli.

- Realizzazione dello scolmatore del Rio Vernazza (Chiappeto) e adeguamento degli argini del torrente Sturla, presentata da Cristina Lodi, Mauro Avvenente, Stefano Bernini (Pd), Mariajosé Bruccoleri, Gianni Crivello (LC), Alberto Pandolfo (Pd), Enrico Pignone, Pietro Salemi (LC), Alessandro Terrile, Claudio Villa (Pd), che impegna il Sindaco e la Giunta a velocizzare i tempi della Conferenza dei Servizi, ad avviare al più presto le procedure di gara e a considerare l’opera, importante per la popolazione, con la dignità che merita
Approvata all’unanimità con 38 voti favorevoli.

- Emanazione ordinanza relativa alla regolamentazione di contratti su beni immobili concessi a richiedenti asilo, presentata da Lorella Fontana, Maurizio Amorfini, Fabio Ariotti, Federico Bertorello, Francesca Corso, Luca Remuzzi, Maria Rosa Rossetti, Davide Rossi (Ln), che impegna il Sindaco a emanare un’ordinanza che preveda comunicazione preventiva di sottoscrizioni di contratti o accordi e successiva trasmissione di copia degli atti al Comune
Rinviata su richiesta dei proponenti

due interpellanze

- Dissesto del manto stradale, in particolare in Corso Firenze, provocato da alberature - Censimento alberi ai fini di sostituzione, presentata da Franco De Benedictis (Di)
Risponde l’assessore Paolo Fanghella: «Aster ha già fatto un censimento, individuando le situazioni più critiche e redigendo un elenco di strade in cui è più urgente intervenire, anche per motivi di sicurezza. Sono in programma alcuni interventi, principalmente di sostituzione o di asportazione per diradamento».

- Derattizzazione via Asilo Garbarino e giardino sottostante, presentata da Davide Rossi (Ln)
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Nell’area ci sono problemi di natura manutentiva e presenza di materiali organici e alimentari. Necessaria un’opera di pulizia accurata, seguita dall’individuazione delle tane e dalla collocazione di esche rodenticide. L’ultima derattizzazione è stata effettuata nello scorso mese di settembre».


Il Consiglio comunale si conclude alle ore 17.32
7 novembre 2017
Ultimo aggiornamento: 08/11/2017
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8