Consiglio Comunale del 6 dicembre

Ecco i punti salienti della seduta odierna: qualità mense scolastiche, sicurezza autisti Amt, isola ecologica Levante, nuovi provvedimenti Movida, ascensore pubblico via Imperia. Tra le interpellanze segnaliamo la raccolta differenziata porta a porta, il Nuovo Lido e le biglietterie Amt a servizio degli ascensori. Approvate all'unanimità una delibera sulle aree ex Gavoglio e una mozione su illuminazione a Castelletto

Testo Alternativo
Il Consiglio comunale inizia con la discussione degli articoli 54, interrogazioni a risposta immediata.

Matteo Campora (Pdl) chiede quali azioni intenda promuovere la civica amministrazione per risolvere i problemi emersi nelle ultime settimane nelle mense scolastiche: «La commissione mensa della Brignole Sale segnala due casi: arance contenenti un fungicida e piatti melaminici, non più usa e getta come quelli adottati in precedenza, in alcuni casi non adeguatamente lavati».

Risponde l’assessore Pino Boero: «Sui piatti contestati convengo, e su questo non c’è dubbio, che debbano essere lavati accuratamente e igienizzati; il materiale, però, è tra quelli riconosciuti dalle tabelle ministeriali e non è assolutamente nocivo. Sulle arance segnalo che il Comune ha già sanzionato l’azienda perché i conservanti, di questo si tratta, non sono previsti dal capitolato; tuttavia non si può parlare di “arance al veleno”, perché l’uso del prodotto sulla frutta in commercio è consentito e perché i controlli Asl non hanno rilevato nulla di irregolare».

Claudio Villa (Pd)chiede informazioni sulla risoluzione anticipata, nel 2016, del rapporto di lavoro di tre dirigenti Amt e sui costi, 500 mila euro, che gravano sul bilancio 2016 dell’azienda: «Avrei voluto vedere qui gli assessori Lanzone e Miceli, per sapere perché, se questi dirigenti non servivano, non si è pensato prima a farne a meno. Perché i soldi spesi non sono stati utilizzati invece per migliorare le condizioni del personale? È vero che questi ex dirigenti sono ora consulenti nella stessa azienda?»

Risponde l’assessore Anna Dagnino: «Si è agito in conformità con gli indirizzi della delibera sul personale delle partecipate. In Amt in questi anni si è molto risparmiato anche sui dirigenti e sui loro emolumenti aggiuntivi. L’incentivo, peraltro molto conveniente, è previsto dal contratto nazionale. Con questa operazione abbiamo speso 500 mila euro contro il milione e 100 mila che avremmo speso nei prossimi anni. Escludo che gli ex dirigenti possano rientrare come consulenti».

Il consigliere De Pietro (M5s) chiede chiarimenti sull’isola ecologica del Levante di via delle Campanule, progettata in disaccordo con la classificazione del Puc – tavola sis-45, in cui risulta la destinazione “verde pubblico, gioco e sport” e in particolare sui pareri autorizzativi forniti dagli uffici prima come “temporaneo centro di raccolta rifiuti di quartiere, senza opere” e successivamente come “centro di raccolta di rifiuti con opere”: «È un pasticcio, l’isola ecologica di Quarto. La sistemazione prevista collide con le promesse su quell’area, che doveva essere collegata agli impianti sportivi».

Risponde il vicesindaco Stefano Bernini: «Dopo discussioni e dibattiti si è individuato quel sito per la raccolta. La normativa prevede che l’amministrazione individui aree di servizio in tutte le zone; in questo quadro è normale che una piccola porzione di quella zona possa essere impiegata per la raccolta differenziata. Del resto il comitato di cittadini non ha individuato aree alternative adeguate. La questione centrale è l’importanza della raccolta differenziata: se la consideriamo necessaria, dobbiamo individuare i siti, distribuiti sul territorio».

Riguardano le recenti aggressioni agli autisti Amt le interrogazioni dei consiglieri Alessio Piana (Ln) e Stefano Balleari (Pdl).

Piana: «almeno la metà del parco automezzi non è ancora dotata delle necessarie protezioni. Ci sono stati vari impegni dell’amministrazione su telecamere o personale di vigilanza, ma la situazione non è soddisfacente. Che cosa si intende fare?»

Balleari: «dall’inizio dell’anno c’è stata una ventina di aggressioni ad autisti. Le telecamere sarebbero utili, ma non risolutive. Ci vogliono le protezioni, anche se talvolta contrastano con le prescrizioni del codice. Ho proposto una mozione per un servizio di protezione sugli autobus, utilizzando magari i lavoratori in mobilità o in cassa integrazione, ma questa mozione non è stata messa in calendario».

Risponde l’assessore Anna Dagnino: «l’amministrazione e l’azienda hanno affrontato il problema già a partire dallo scorso anno. In condivisione con le organizzazioni dei lavoratori abbiamo iniziato a installare le chiusure delle cabine di guida e stiamo procedendo. Sui mezzi nuovi le stesse aziende produttrici prevedono tali sicurezze, in ossequio a un’esigenza che ormai è nazionale. I nuovi bus sono perciò tutti dotati di telecamere. Si è disposto un servizio di guardie giurate di notte, ma approfondiremo anche la proposta del consigliere Balleari. La procedura però è complessa, come è stata complessa quella per l’affidamento all’azienda di vigilanza, perciò i tempi non potranno essere brevi. In ogni caso si procede in accordo con le organizzazioni sindacali».

La movida è l’oggetto del quesito di Enrico Musso (L.Musso), che interpella la giunta sulle nuove misure, che riguardano gli esercizi commerciali, per contrastare il fenomeno: «non si riesce a far rispettare le regole e perciò si ricorre a nuove norme, opprimendo chi già le rispetta. È necessaria invece una maggiore vigilanza; quest’aula aveva votato, individuando anche i fondi per il finanziamento, perché la polizia municipale se ne facesse carico e non perché si dedicasse ai divieti di sosta. Che cosa si intende fare?».

Risponde l’assessore Elena Fiorini: «il tema è complesso e riguarda non solo Genova ma tutte le città europee. Nonostante la varietà degli interventi, tra cui i controlli severi che caratterizzano le città tedesche, non sembra esserci una soluzione più valida delle altre. Noi abbiamo puntato sulla collaborazione con la popolazione e con gli operatori economici. Le norme sulla liberalizzazione delle attività commerciali hanno creato la possibilità di aprire esercizi attivi sulle 24 ore. Noi abbiamo deciso di porre limiti. I controlli vanno avanti; recentemente abbiamo fornito i dati sull’attività della polizia municipale; gli interventi sui divieti di sosta sono avvenuti perché in via Petrarca non riusciva a passare un’ambulanza, mentre in via Fieschi non potevano transitare  due autobus».

Chiude il question time l’interrogazione di Mario Baroni (Pdl) sull’ascensore che porta da via Imperia a corso Montegrappa, fuori uso dall’ultima alluvione, e sulla situazione di porta Pila, unica strada per andare verso Brignole, che è in condizioni orrende. Quali gli interventi previsti e i tempi?

Baroni: «gli abitanti della zona parlano della possibilità di acquisire l’ascensore, pubblico, che da tempo non funziona. Via Montesano e la scala pedonale sono in pessime condizioni».

Risponde l’assessore Gianni Crivello: «a noi risulta che la scala sia classificata come privata, mentre via Montesano ci pare in buone condizioni. Faremo comunque un nuovo sopralluogo».

Risponde l’assessore Anna Dagnino: l’ascensore è stato certificato dall’ufficio ministeriale competente come impianto privato; in realtà era nato proprio come ascensore privato ed era divenuto pubblico negli anni ’70. In seguito a questa riclassificazione, ci sarà la cessione ai condomini interessati. Si sta definendo la pratica, allo scopo di evitare l’abbandono dell’impianto.

Alle ore 15 il presidente Giorgio Guerello provvede all’appello; con 33 consiglieri presenti, la seduta è valida.

Si passa poi alla discussione dell’ordine del giorno, che prevede:

una delibera di Giunta

Conferma di richiesta di acquisizione ai sensi della legge 98/2013 di aree adiacenti all’ex caserma Gavoglio
Approvata all’unanimità

L’aula concede anche l’immediata eseguibilità.


una mozione

Potatura alberi e potenziamento illuminazione Circonvallazione a monte
presentata da Guido Grillo (Pdl)

Approvata all’unanimità

e quattro interpellanze  

- Situazione economica Teatro Carlo Felice
presentata da Alessio Piana (Ln)
Rinviata

- Raccolta rifiuti "porta a porta" a Quarto Alto
presentata da Enrico Musso (L.Musso)

Risponde l’assessore Italo Porcile: «sul tema l’azienda e l’assessorato sono da parecchi mesi in confronto con la cittadinanza. I cittadini interessati sono qualche migliaio i primi di una popolazione coinvolta di 120 mila persone circa. L’attenzione per i cittadini, in questa sperimentazione, è massima, ma l’amministrazione non intende recedere, perché solo con questo metodi è possibile avere i migliori risultati. Il sistema preferibile ci sembra quello della raccolta condominiale, ma stiamo cercando punti di equilibrio rispetto alle dimensioni degli edifici, in alcuni casi molto grandi, e all’esigenza di non superare la dozzina di famiglie per ogni punto di raccolta».

- Nuovo Lido
presentata da Guido Grillo (Pdl)

Risponde il vicesindaco Stefano Bernini: «Non ho avuto modo di incontrare la nuova proprietà, ma da alcuni abboccamenti con gli uffici dell’Urbanistica emerge l’intenzione di non stravolgere l’impostazione prevista dal Puc, considerando le attività già possibili come sufficientemente redditizie, senza bisogno di ulteriori investimenti importanti. Nessun progetto è stato presentato.»

Biglietterie ascensore Spianata Castelletto e Funicolare Sant'Anna
presentata da Francesco De Benedictis (G.Misto)
Risponde l’assessore Anna Dagnino: «Non è vero che il resto si possa ritirare solo presso le biglietterie Amt. Ci sono invece vari sistemi per ottenere il resto, anche in rivendite vicine; Oltre a ciò si può ricorrere all’acquisto del biglietto tramite sms».

Il Consiglio comunale si conclude alle ore 16.18
6 dicembre 2016
Ultimo aggiornamento: 06/12/2016
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8