Consiglio comunale del 12 giugno

Nel question time la Giunta ha risposto su: risultati ultimi Rolli Days, preparazione attività di difesa contro gli incendi estivi, chiusura del Museo Luzzati e della mostra Cinepassioni, cancellazione soggiorni estivi per i disabili, soluzione degrado giardini Esposito in Albaro e riapertura scalinata tra via Palestro e corso Solferino, nuovo ricorso alla commissione toponomastica per aggiungere, oltre a "giornalista", "vittima di errore giudiziario" sulla targa di via Enzo Tortora

Testo Alternativo
Il consiglio comunale inizia con la discussione degli articoli 54, interrogazioni a risposta immediata.

Informativa urgente sull’ultima manifestazione dei Rolli Days, e confronto con i risultati delle manifestazioni precedenti che hanno dato lustro a Genova. A chiederla è Cristina Lodi (Pd)
Risponde l’assessore Elisa Serafini: «Faccio una premessa: nell’ultimo anno abbiamo aperto più volte i Palazzi dei Rolli, quattro rispetto ai soliti due appuntamenti. Nell'ultima edizione a Genova erano in programma anche altri eventi,quali la Festa dello Sport e la festa del Basilico. In tutto sono state 220mila le persone che hanno preso parte alle varie manifestazioni. Sono eventi diversi, ma hanno avuto un grosso richiamo, anche mediatico, per Genova. A livello turistico le attività ricettive sono state occupate per il 93%».

Maria Rosa Rossetti (Lega Nord) chiede, in vista della stagione estiva, quali interventi sono stati predisposti a difesa del territorio in caso d’incendi.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «La Protezione Civile interviene, coordinata dai Vigili del Fuoco, occupandosi dell’assistenza alla popolazione e dello spegnimento delle fiamme. Tutti i proprietari di fondi, giardini, boschi sono tenuti ad osservare con estrema attenzione le direttive emanate dalla Regione Liguria, dai Vigili del Fuoco e dalla Protezione Civile per evitare rischi. La cartografia cittadina riporta la mappatura di tutti gli strumenti da utilizzare in caso di incendio».

Gli organi di stampa hanno riportato la notizia della chiusura del Museo Luzzati. Pietro Salemi (Lista Crivello) chiede come intende regolarsi la Giunta.
Risponde l’assessore Elisa Serafini: «Parliamo di una struttura privata. La società che la gestiva è stata chiusa per fallimento. Stiamo cercando di individuare una nuova sede e far sì che diventi un vero e proprio museo dell’illustrazione».

Perché chiudere la mostra “Cinepassioni”, in corso alla Loggia della Mercanzia in piazza Banchi, molto apprezzata da genovesi e turisti? Lo chiede Alberto Campanella (Fratelli d’Italia).
Risponde l’assessore Elisa Serafini: «La mostra Cinepassioni è organizzata in un immobile di proprietà comunale ed è stata più volte prorogata. Poiché tutti hanno diritto a usufruire, se in possesso dei requisiti, degli spazi pubblici, Cinepassioni dovrà lasciare la Loggia della Mercanzia. Ma visto il grande successo, stiamo valutando la possibilità che sia ospitata in altri spazi cittadini».

Maria Tini (M5s) domanda chiarimenti sulla decisione di cancellare i soggiorni estivi per disabili.
Risponde l’assessore Francesca Fassio: «Già nel 2014 ero contraria ai soggiorni estivi e rimango di quell’idea. Non è così che si dà sollievo alle famiglie. Il Comune ha in carico 2.000 disabili e solo in 20 hanno usufruito della vacanza. Stiamo costruendo dei progetti che mettano tutta la vita dei disabili e delle loro famiglie al centro, utilizzando meglio i fondi».

I cittadini del Municipio Medio Levante hanno segnalato lo stato di degrado dei giardini Antonio Esposito, ad Albaro, davanti alla chiesa di Santa Teresa. Mario Baroni (FI) riferisce che occorrono interventi per ripristinare la sicurezza del suolo, delle piante, delle aiuole e dei giochi per i bambini. Inoltre, eliminare quotidianamente i rifiuti lasciati dalle persone che pranzano sulle panchine dei giardini. Quali iniziative in questo senso?
Risponde l’assessore Matteo Campora: «L’area è di civica proprietà e la manutenzione spetta al Municipio Medio Levante. Stiamo lavorando insieme con l’assessore Pietro Piciocchi per trovare i fondi ed eseguire i lavori. Della pulizia, che viene fatta tre volte a settimana, si occupa Amiu, che a breve interverrà anche con la spazzatrice».

Ormai è da tempo che la scalinata che collega via Palestro con corso Solferino è chiusa sul lato destro. Claudio Villa (Pd) chiede a che punto sono i lavori 
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Ireti ha risolto il problema della perdita idrica occulta che ha causato la chiusura. Aster dovrà rifare l’intonaco e Amiu provvedere alla pulizia. A breve Aster farà un altro sopralluogo che ci indicherà i tempi precisi per la riapertura della scalinata».
  
La passata consiliatura aveva approvato una mozione per apporre una targa su via Enzo Tortora: la commissione toponomastica ha respinto la mozione e questa decisione è stata approvata dalla precedente Giunta. Francesco De Benedictis (Noi con l’Italia) chiede se questo modo di operare sia corretto.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Il parere della commissione toponomastica è obbligatorio ma non vincolante per l’Amministrazione comunale. Per risolvere la situazione possiamo riproporre alla commissione toponomastica la richiesta di aggiungere sulla targa, oltre a “giornalista”, “vittima di errore giudiziario” e la Giunta, come organo collegiale, può far propria questa richiesta»

Marta Brusoni (Vince Genova) chiede l’installazione di un semaforo in corrispondenza dell’attraversamento pedonale, ritenuto pericoloso, di fronte a piazza Leopardi.
Risponde l’assessore Matteo Campora: «Abbiamo consultato il distretto di Polizia Municipale e ci è stato riferito che negli ultimi dieci anni su questo attraversamento non risultano essere avvenuti incidenti. Nonostante ciò, faremo un sopralluogo anche per incontrare i cittadini della zona».

Alle 15 il presidente Alessio Piana provvede all’appello; con 38 consiglieri presenti, la seduta è valida.

Il presidente Piana interrompe i lavori del Consiglio per consentire ai capigruppo di ascoltare le istanze dei lavoratori del Mercatone Uno.

Al rientro in aula si passa alla discussione dell’ordine del giorno, che prevede:

quattro mozioni

- Rivalutazione di tre vie ad est della Cattedrale di San Lorenzo: Canneto il Lungo, via dei Giustiniani e via San Bernardo, che integrano il percorso turistico–culturale che gravita intorno a via San Lorenzo, presentata da Guido Grillo (FI), che impegna sindaco e Giunta a restituire sicurezza e bellezza e, di conseguenza, piena vivibilità alle vie e alle piazze; ad attivare iniziative finalizzate all’utilizzo di spazi abbandonati: recupero edilizio, turismo, artigianato, com-mercio, arti e cultura, con ricadute positive sull’occupazione.
Approvata all’unanimità con 38 voti

- Accessibilità della stazione ferroviaria e della metropolitana Genova Brignole, aprendo un varco di accesso dal lato di corso Galilei, presentata da Cristina Lodi, Mauro Avvenente, Stefano Bernini, Alberto Pandolfo, Alessandro Terrile, Claudio Villa (Pd), che impegna sindaco e Giunta a concordare con Amt, RFI e Grandi Stazioni Rail Spa l’apertura prolungata dell’accesso alla stazione Brignole, lato Borgo Incrociati, aprendo il cancello di accesso alla metropolitana, collegando di fatto le due sponde del torrente Bisagno.
Approvata all’unanimità con 37 voti

- Preparare un progetto esecutivo per raccolta organico sull’intero territorio comunale, presentata da Maria Tini, Fabio Ceraudo, Stefano Giordano, Giuseppe Immordino, Luca Pirondini (M5S), che impegna in tal senso sindaco e Giunta a presentare entro un mese dall’approvazione di questa mozione, con Amiu Spa, un progetto esecutivo per effettuare la raccolta dell’organico in tutta Genova.
Approvata all’unanimità con 37 voti

- Realizzazione di una protezione in curva pericolosa in Salita Cassinelle, presentata da Francesco De Benedictis (Noi con l’Italia, Udc), che impegna sindaco e Giunta ad attivarsi per risolvere in maniera definitiva questo pericoloso problema viario.
Approvata all’unanimità con 38 voti

quattro interpellanze:

- Vendita di immobili di civica proprietà siti in via Borsieri 11, presentata da Giovanni Crivello (Lista Crivello), che chiede spiegazioni su quali uffici Asl siano stati contattati dall’assessorato al Bilancio per giungere alla conclusione che detti uffici non sarebbero stati interessati a trasferivi il poliambulatorio, attualmente in via Canepari. Il direttore del Distretto 10 Valpolcevera, consultato dal Municipio, avrebbe dimostrato invece interesse a tale operazione
RINVIATA

- Potatura degli alberi di Piazza Massena a Cornigliano, presentata da Maurizio Amorfini (Lega Nord), che interroga su come mai le fronde abbiano raggiunto un’altezza pericolosa, quando sono stati fatti gli ultimi interventi e se vista la situazione di pericolo, è in previsione una potatura a breve.
Risponde l’assessore Matteo Campora: la potatura per quanto riguarda piazza Massena, proprio per la tipologia di alberatura, avverrà in autunno, da novembre a dicembre.

- Aumento delle tariffe per le occupazioni suolo con passi carrabili, presentata da Alberto Pandolfo (Pd), che chiede una revisione di tale provvedimento, non opportuno in un mo-mento di crisi economica come quello attuale
RINVIATA

- Riqualificazione e messa in sicurezza dell’edificio scolastico “Camillo Sbarbaro” e del parco circostante, presentata da Valeriano Vacalebre (Fratelli d’Italia), per conoscere i progressi fatti sia nel reperire i fondi necessari e sia sulla tempistica prevista dell’inizio lavori
Risponde l’assessore Matteo Campora: «La fruizione del parco Dufour è interdetta perché il lato di fronte all’ingresso dell’edificio scolastico risulta avere una balaustra ammalorata. Anche la parte bassa del parco necessita di verifiche alle strutture, al fine di fare una complessiva quantificazione dei lavori risolutivi delle criticità. Gli uffici tecnici comunali hanno inoltrato alla Società per Cornigliano una richiesta per ottenere un finanziamento per effettuare le opere di manutenzione e risolvere le criticità della scuola Camillo Sbarbaro. La Soocietà per Cornigliano, pur rilevando che la scuola si trova al di fuori del perimetro definito nell’intesa tra Società e Comune, ma ritenendo che la scuola Sbarbaro assolva a una funzione sociale importante per l’intero quartiere, ha deliberato di finanziare i lavori manutentivi per un importo di 700 mila euro. Al Comune di Genova è demandata la progettualità e il primo intervento sarà la messa in sicurezza della balaustra di marmo.


ll consiglio comunale si conclude alle ore 16,57
12 giugno 2018
Ultimo aggiornamento: 13/06/2018
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8