Assemblea pubblica di Confindustria
Tutte le connessioni di Genova

L’appuntamento degli industriali genovesi, propedeutico agli Stati Generali dell'economia di fine novembre, si è svolto nei cantieri Mariotti. “Un’azione comune per la crescita della città”, questo lo slogan dell’incontro cui hanno partecipato i rappresentanti del mondo produttivo e istituzionale

Testo Alternativo
“Genova_connessa. Un’azione comune per la crescita della città”. Con questa vera e propria indicazione programmatica si è svolta stamattina l’assemblea pubblica di Confindustria Genova, alla quale ha partecipato anche il sindaco Marco Bucci. L'appuntamento era propedeutico agli Stati Genrali dell'Economia, organizzati dal Comune di Genova per la fine del mese di novembre.

Connessioni con l’esterno – a partire dalle infrastrutture e dall’industria dell’high-tech – ma anche “connessioni interne”, per scambiare competenze e tradizioni presenti nel nostro territorio, come è stato ricordato dal presidente di Confindustria Genova Giovanni Mondini nella sua introduzione ai lavori. Connessioni con la tradizione, a cominciare dalla location dell’appuntamento ospitato in uno dei luoghi simbolo della storia produttiva di Genova, i cantieri navali T. Mariotti di via dei Pescatori.

Dopo gli onori di casa da parte dell’ingegner Marco Bisagno, il saluto di S.E. Cardinale Angelo Bagnasco e l’intervento video della ministra Roberta Pinotti – che per impegni istituzionali non ha potuto essere presente – il presidente Mondini ha tracciato il terreno del confronto snocciolando alcuni numeri che fotografano i chiaroscuri di una Regione e di una città alle prese con una fase di svolta.

Da una parte un Pil, un dato occupazionale e un numero di residenti in decremento, dall’altra percentuali in ascesa per quanto riguarda l’export, il turismo, il traffico di container in un quadro di tenuta degli investimenti delle imprese, sia delle grandi che di quelle di piccole dimensioni. Sullo sfondo i passi in avanti e le date certe per la conclusione dei lavori di importanti infrastrutture come il Terzo Valico, il Nodo ferroviario e il Green Campus che sapranno rendere la città più accessibile e appetibile per gli investitori.

Il sindaco Bucci è intervenuto al primo dei tre tavoli tematici parlando di imprese dell’high-tech e rilanciando il ruolo attivo dell’amministrazione comunale. “Il Comune di Genova – ha detto – faciliterà sempre di più le aziende che investono o arrivano nella nostra città per investire nell’alta tecnologia perché è questo il filone fondamentale dello sviluppo del futuro. La qualità della vita e la qualità del lavoro a Genova – ha continuato – sono un binomio che non è secondo a nessuna città del mondo. La rivoluzione digitale non si può fermare e non possiamo rimanerne fuori: abbiamo già molte piccole-medie imprese che stanno facendo passi da gigante e un incredibile lavoro. Nostro compito è supportarle. Stiamo costruendo – ha concluso Bucci – non una città nuova, ma più entusiasmante di quanto non fosse prima”.

Di progetti e investimenti hanno parlato nel secondo focus il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, Gabriele Delmonte (Banca Carige), Antonio Gozzi (Federacciai), Luigi Predeval (Genova High-Tech-Great Campus) e Giuseppe Zampini (Ansaldo Energia), mentre il terzo tavolo ha visto la partecipazione di Paolo Emilio Signorini (Autorità e Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale), Paolo Odone (Aeroporto di Genova), Alberto Amico (Amico & Co.), Edoardo Monzani (Stazioni Marittime) e Giulio Schenone (Gruppo Investimenti Portuali).

Presente anche il Presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia a cui è stato riservato l’intervento finale.
15 novembre 2017
Ultimo aggiornamento: 17/11/2017
Comune di Genova  - Palazzo Tursi  -  Via Garibaldi 9  -  16124 Genova  | Centralino 010.557111
Pec: comunegenova@postemailcertificata.it - C.F. / P. Iva 00856930102 
Questo sito è ottimizzato per Firefox, Chrome, Safari e versioni di Internet Explorer successive alla 8